Cotugno annuncia: “Prorogati i contratti dei precari dei Beni culturali”

Vincenzo CotugnoCAMPOBASSO – Buone notizie per i precari del ministero dei Beni Culturali vincitori del concorso nazionale ’60 esperti per il patrimonio culturale’. A darne notizia è il presidente del consiglio regionale del Molise, Vincenzo Cotugno (foto), che lo scorso 3 novembre aveva scritto al ministro Dario Franceschini per chiedere un diretto interessamento su una vicenda riguardante anche diversi ricercatori molisani. Nella lettera al ministro, il presidente Cotugno auspicava un “determinante e preziosissimo intervento al fine di una felice conclusione della vicenda”.

“In virtù del disegno di legge di Bilancio per il 2018, attualmente all’esame del Senato per l’approvazione definitiva – si legge nella risposta del ministero riferita da Cotugno – il Legislatore ha previsto la possibilità di prorogare per l’anno 2018, non oltre il limite massimo di 36 mesi, anche discontinui, e nel limite di 1 milione di euro, i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati dagli istituti e luoghi della cultura”.

“È intenzione di questo ministero – prosegue la nota di risposta – avviare per tempo tutte le dovute procedure al fine di consentire, per l’anno 2018, la proroga dei contratti in oggetto, secondo le modalità e i limiti di spesa previsti dalla legge”.

“Non posso che essere soddisfatto per la positiva risoluzione di una vicenda che teneva in apprensione decine di lavoratori – afferma Cotugno – persone capaci e appassionate, che quotidianamente partecipano alle attività di divulgazione, conservazione e promozione delle nostre bellezze storico-artistiche e culturali, in particolare dei Musei e dei principali siti storico-archeologici della nostra regione”.