Diga di Chiauci: Frattura, “Importante anche per il turismo”

VASTO (CHIETI) – Completamento della Diga di Chiauci non legato solo all’agricoltura, e quindi finalizzato solo a fini irrigui, ma importante per Molise e Abruzzo anche per turismo e, quindi, occupazione.

Se ne è parlato al Palazzo D’Avalos di Vasto con il convegno “Diga di Chiauci: riparte il territorio, l’agricoltura e l’occupazione”, organizzato dal Consorzio di bonifica Sud-Vasto. Presenti i presidenti delle Giunte di Molise, Paolo di Laura Frattura, e Abruzzo, Luciano D’Alfonso.

“Quando si parla della diga di Chiauci – è stato un passaggio dell’intervento del Governatore del Molise – non dobbiamo fermarci solo all’agricoltura: il completamento della diga finanziato con il Patto per il Molise per 10 milioni di euro è legato non esclusivamente ai fini irrigui. Proviamo oggi a fare un’altra scommessa: capire come a fini turistici l’opera potrà essere utilizzata, una volta collaudata e messa in sicurezza”.