Isernia, maxi sequestro di botti illegali: denunciato il titolare della ditta

Isernia sequestro bottiISERNIA – Il blitz dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Isernia, è scattato questa mattina all’alba, quando all’interno dei locali di una attività commerciale ubicata nella periferia cittadina, sono stati trovati circa mezzo quintale di botti, di genere vietato, che sarebbero stati messi in commercio senza alcun tipo di autorizzazione e con grave pericolo per l’incolumità pubblica.

Per questi motivi i materiali esplodenti sono finiti sotto sequestro, mentre il titolare dell’attività, di origine cinese, 35enne residente ad Isernia, è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per il commercio illegale degli artifizi pirotecnici. Secondo i primi accertamenti i botti sarebbero stati confezionati in un centro dell’alto casertano, per poi essere messi in vendita nella provincia di Isernia. Quest’ultimo blitz, si inquadra in una vasta operazione che si prefigge lo scopo di evitare che con l’approssimarsi delle festività Natalizie e di fine anno, si possano verificare incidenti con gravi conseguenze e con effetti talvolta mortali, provocati da botti o marchingegni più simili a vere e proprie bombe che a giochi pirici.

I controlli quindi proseguiranno per accertare la regolarità delle licenze e autorizzazioni per la vendita di fuochi pirotecnici in negozi ed eventuali bancarelle sparse sul territorio. In queste ore vengono anche verificate le misure di sicurezza obbligatorie per chi tratta con questo tipo di materiale e che non venga ceduto ai minori di anni 14. Ovviamente la finalità principale dei militari è quella di rintracciare e togliere dal mercato ordigni confezionati artigianalmente con grandi quantità di polvere pirica, definiti comunemente “Botti Killer”.

Un capillare monitoraggio attuato anche con perquisizioni presso abitazioni dove si sospetta vengano nascosti pericolosi materiali esplodenti. Con questo tipo di operazioni gli uomini dell’Arma puntano soprattutto alla prevenzione per scoraggiare al massimo la vendita e l’utilizzo di botti proibiti, e mettere in guardia soprattutto i più giovani dai pericoli cui vanno incontro nel maneggiare i fuochi di artificio, anche quelli apparentemente più innocui.