Isernia, porto illegale di armi e droga: tre persone nei guai

sequestro macheteISERNIA – Nel corso di una serie di controlli eseguiti dai Carabinieri nelle ultime ore tra Isernia e comuni limitrofi, tre persone sono finite nei guai per reati in materia di armi e stupefacenti. A Sesto Campano, i militari della locale Stazione hanno fermato un 30enne originario della provincia di Caserta, pluripregiudicato. A seguito della perquisizione veicolare, occultato sotto il sedile veniva rinvenuto un “machete”. L’arma veniva sottoposta a sequestro mentre il pregiudicato veniva denunciato per porto illegale di arma impropria.

A Pescolanciano, i militari della locale Stazione, durante un controllo domiciliare, nell’abitazione di un 40enne del luogo, rinvenivano un fucile calibro 12, della cui detenzione presso quel luogo, il proprietario aveva omesso di farne denuncia alle competenti Autorità. L’arma è finita sotto sequestro, mentre l’uomo è stato denunciato per omessa denuncia di armi.

Infine ad Isernia, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, hanno fermato un 35enne nel centro storico cittadino e dopo una perquisizione personale, hanno rinvenuto un involucro contenente dosi di cocaina che l’uomo aveva tentato invano di disfarsi alla vista dei militari. La droga è finita sotto sequestro, mentre il 35enne dovrà rispondere di detenzione illegale di stupefacenti. Indagini sono in corso per accertare se le dosi erano per uso personale o se destinate all’attività di spaccio.

Sono stati istituiti anche posti di blocco lungo le arterie principali, con particolare riferimento a quelle di collegamento con la limitrofa provincia di Caserta, con l’impiego di Unità Cinofile antidroga dell’Arma. In totale sono stati centoventi i veicoli controllati, centocinquanta le persone identificate tra conducenti e passeggeri e numerose le perquisizioni per la ricerca di armi, droga e refurtiva.