Molise 2.0: il turismo digitale e mobile

Una vetrina digitale rappresenta il modo migliore per la valorizzazione e la promozione di un territorio, dei suoi valori e della sua cultura.

Il Molise ha adottato nel corso degli ultimi anni strumenti digitali al passo coi tempi per dare visibilità alle sue bellezze paesaggistiche e a un tessuto culturale vivace e dinamico. Questa valorizzazione ha trovato nel digitale nuove ed entusiasmanti possibilità, alla portata non solo dei grandi operatori specializzati nella promozione territoriale, ma anche a chi per passione e amore vuole far conoscere la terra che ama. Sara Mignogna, di Campobasso, ha risposto all’antico quesito se il Molise esiste o meno con una serie di quattro video pubblicati su YouTube in cui racconta la propria terra. Si tratta di un modo nuovo di fare comunicazione e di raccontare un territorio grazie alle possibilità offerte dalla rivoluzione 2.0.

Progetti di questo tipo rappresentano iniziative importanti nel campo del turismo 2.0.

Esistono comunque eventi imprescindibili a cui partecipare per ottenere visibilità a livello internazionale. L’ultima BIT conclusasi a Milano lo scorso Febbraio ha visto tra i protagonisti i cento metri quadrati dello stand della Regione Molise. Qui la meraviglia ha accolto addetti ai lavori e blogger con le splendide immagini trasmesse sul soffitto della cupola che copriva lo stand su cui erano trasmesse suggestive immagini di paesaggi e architetture. Ma ad attrarre più di un visitatore sono stati i dispositivi di Virtual Reality con visioni immersive delle bellezze architettoniche e naturalistiche del Molise.

I canali attraverso cui il turista scopre un territorio sono sempre più strettamente connessi con il mondo digitale. In particolare il settore del mobile e delle applicazioni per smartphone e tablet rappresenta un canale privilegiato per la promozione turistica e non solo. La web app di Molise Coast è un ottimo esempio di turismo 2.0. Troviamo tutte le informazioni utili per conoscere il patrimonio costiero della regione così come suggerimenti enogastronomici e culturali.

Mentre l’app Molisè sviluppata all’Assessorato alla Cultura della Regione Molise si inserisce come piattaforma mobile facilmente accessibile e versatile per conoscere tutti i segreti della Regione.

L’impiego di simili strumenti non è nuovo e negli anni ha trovato diffusione in settori diversissimi, ma uniti dalla necessità di diversificare i canali per intercettare utenti sempre più connessi al web attraverso i dispositivi mobili. È il caso ad esempio delle app di PokerStars Casino, piattaforma specializzata nel gaming online, che ha sviluppato applicazioni specifiche per smartphone e tablet con l’obiettivo di ampliare la tradizionale offerta di giochi per desktop. E sempre nell’ambito dell’entertainment i colossi dello streaming online hanno adottato strategie di marketing simili. Le app di Netflix hanno trasformato l’esperienza di accesso ai contenuti digitali garantendo una fruizione di questi stessi contenuti dovunque gli utenti si trovino.

Nel settore del turismo si rivela dunque fondamentale questo passaggio dai tradizionali canali televisivi e cartacei a quelli digitali; e anche nel piccolo si può fare davvero molto. Il comune di Termoli ad esempio si è dotato di una piattaforma web ben organizzata e mobile friendly con a disposizione dei turisti guide multimediali in formato ebook che hanno riscosso un notevole successo visto che è  stata scaricata oltre 860 mila volte. Simili risultati del resto erano impensabili fino a qualche hanno fa. Ma il digitale si rivela anche uno strumento utile per semplificare la vita al viaggiatore, come il sito web Moliseski che permette di comprare online i ticket di ingresso alle piste oltre ad ottenere informazioni utili come i bollettini meteorologici e la prenotazione delle strutture ricettive presenti in zona.

PR