Processione della Madonna del Monte, il saluto del Sindaco di Campobasso

processione Madonna del MonteCAMPOBASSO – Si è svolta ieri 31 maggio nel Santuario mariano di Santa Maria del Monte, sulla collina Monforte a Campobasso la celebrazione conclusiva del mese dedicato a Maria che, come tradizione vuole. In occasione della Processione della Madonna del Monte è intervenuto il primo cittadino, Antonio Battista che ha dato il suo saluto. Nel suo discorso il suo ringraziamento per i  padri cappuccini custodi di questa antica devozione, Monsignor Giancarlo Bregantini, tutte le persone che non sono potuti venire perchè costretti in un letto d’ospedale e i numerosi devoti che ogni anno sono sempre più numerosi. Di seguito il discorso integrale:

“Auguro un buon pomeriggio a tutti voi, saluto e ringrazio i padri cappuccini custodi di questa antica devozione che lega la nostra città alla Madonna dei Monti. Devozione che ci unisce e riunisce alla parrocchia del Sacro Cuore, retta dai cappuccini che, attraverso l’evangelizzazione e le loro molteplici attività sempre al servizio dei fedeli, sono il perno della comunità che ruota attorno a Piazza San Francesco. Un saluto, in questo giorno così importante per la nostra città, voglio inviarlo ai novizi che a Campobasso seguono le lezioni nella prestigiosa Università degli studi filosofici del Sacro Cuore.

Saluto affettuosamente anche sua eccellenza Monsignor Giancarlo Bregantini per la vicinanza alle istituzioni e per il legame che ha saputo stringere con la nostra comunità. Un ringraziamento di cuore a tutti voi che, in questo pomeriggio di festa, che ci accompagna all’ormai vicinissimo Corpus Domini, avete partecipato alla processione. Saluto e ringrazio, per l’affetto che mostrano verso la Madonna, anche quanti non sono qui perché non hanno potuto lasciare la propria casa o perché costretti in un letto d’ospedale, nei centri per anziani. Chiedo una preghiera per tutti loro nella speranza che Nostra Signora possa ascoltare la loro voce e alleviare ogni loro sofferenza.

A conclusione del percorso durato 31 giorni vorrei congratularmi con i tanti e tanti devoti che, di anno in anno più numerosi, organizzano e animano l’intero mese mariano e questa processione così seguita che conclude l’omaggio alla Madonna, attraverso il lungo percorso impreziosito dai meravigliosi tappeti di fiori che abili e sapienti mani hanno realizzato, non senza sforzi e sacrifici, per offrirli alla nostra Signora del Monte. Un’altra storica devozione alla Madonna che ci aiuta e ci protegge, che ci resta accanto nei momenti di difficoltà. A lei ci rivolgiamo quando abbiamo bisogno di un sostegno, di una guida, di un faro che illumini il nostro cammino terreno, pieno di insidie e difficoltà. Una mamma che ci prende per mano e che ci insegna ad apprezzare i doni che la vita ci offre.

Doni che dobbiamo saper raccogliere, di cui dobbiamo afferrare il significato e il valore, perché solo così si riesce a recuperare il rapporto con se stessi e con il prossimo, quello che vive accanto a noi e quello che invece arriva da lontano. Rapporto con gli altri che è alla base di una comunità civile e solidale, che opera e che lavora per raggiungere fini ed obiettivi comuni, che difende la propria storia, le proprie ricchezze culturali, le tradizioni, ma che sa anche guardare al futuro con gli occhi di chi un futuro vuole costruirlo insieme, senza steccati né barriere, in sinergia e collaborazione con l’amministrazione, con noi che in questo Comune, da quattro anni, lavoriamo e progettiamo per offrirvi una Campobasso migliore, più vicina alle vostre esigenze, più attenta ai vostri bisogni.

Una missione non facile in tempi non facili, ma noi non ci arrendiamo e proseguiamo con coraggio e senso di responsabilità per cambiare pian piano la nostra visione della città, per raggiungere importanti risultati di cui ognuno di noi dovrà esserne orgoglioso, penso alle scuole, alle grandi infrastrutture, alle periferie, alle agevolazioni per le attività economiche. Lo dico con soddisfazione perché stiamo facendo davvero del nostro meglio, ma chiedo alla Madonna di restarci accanto e di proteggerci come lo abbiamo chiesto al Santo di Pietrelcina il 25 maggio, quando la Città di Campobasso ha consegnato l’olio per la lampada votiva a Padre Pio che, insieme alla Madonna, ci aiuterà a raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Chiedo a tutti voi di pregare per la nostra amministrazione e una preghiera la chiedo affinché si trovi una soluzione alla crisi di governo che a Roma ormai va avanti da ben tre mesi. Che la Madre di Dio illumini le nostre menti e apra i nostri cuori. Viva la Madonna dei Monti a cui affidiamo la città e viva Campobasso”.