Sagra delle Sagre: Scapoli si trasforma in un grande ristorante all’aperto

SCAPOLI (IS) – “Sagra delle Sagre” il 13 e 14 agosto a Scapoli: il paese si trasformerà per due giorni un un grande ristorante all’aperto con degustazioni varie per le vie del centro storico, come il Raviolo Scapolese”, prodotto De.C.O. Gli chef molisani faranno assaporare i prodotti di una terra che ha saputo coniugare con passione la cucina povera dei pastori e dei pescatori con quella borghese.sagra-delle-sagre

Tante le specialità tipiche: frittelle, formaggi, salumi, frittata e “panonta” di Miranda, ravioli scapolesi, cavatelli, fusilli alla rana pescatrice. E poi la “pezzata di Capracotta”, le lumache, la frittura di pesce, i fegatini con il soffritto, il tartufo.

La “zuppa dei pellegrini” risale invece all’epoca in cui i pellegrini che transitavano sulla Via Francigena ricevevano in offerta proprio questa pietanza composta prevalentemente da cicerchie o lenticchie, patate e farro.

Un altro cenno gastro-storico in occasione della “Sagra delle Sagre” ce lo fornisce la “polenta del brigante Centrillo”, inventata dal brigante Domenico Coia, detto “Centrillo”, tra i più importanti esponenti del brigantaggio meridionale e vero e proprio re delle Mainarde molisane nel periodo immediatamente successivo all’Unità d’Italia. Questo tipo di polenta veniva realizzata con i pochi prodotti reperibili con facilità sul territorio (farina di granturco, funghi) e poi veniva insaporita con il lardo.

C’è dentro dunque tutto il Molise nel menù che verrà proposto: per gli amanti della cucina tradizionale della regione un appuntamento imperdibile!