2 giugno, Saia: “Oggi più che mai l’Italia ha bisogno di essere unita”

12

AGNONE – “Il 2 giugno si festeggia l’anniversario della nostra Repubblica, è la più importante festa civile della nostra Nazione. Si ricorda il referendum istituzionale indetto a suffragio universale il 2 e il 3 giugno 1946, con il quale gli italiani e per la prima volta le italiane vennero chiamati alle urne, per esprimersi, in seguito alla caduta del fascismo, su quale forma di governo dare al paese: monarchia o repubblica. Gli italiani scelsero la Repubblica ben 76 anni fa!”. Così il sindaco di Agnone, Daniele Saia, che oggi ha partecipato alle celebrazioni tenutesi in paese.

“Proprio in virtù dei sacrifici che gli italiani fecero per raggiungere la tanto agognata forma repubblicana – aggiunge Saia – guardiamo inorriditi al conflitto in corso in Ucraina che ha ripercussioni negative in tutto il mondo, mettendo in discussione tutti i risultati raggiunti negli anni passati con fatica e abnegazione. Ed esortiamo i responsabili di questa guerra atroce e insensata ad abbattere ogni tipo di muro, a superare le contrapposizioni, gli interessi personali, gli egoismi e a ricorrere al dialogo e alla mediazione per risparmiare altre vittime innocenti e altra distruzione e garantire una convivenza pacifica che è l’unica condizione possibile che garantisce vivibilità e con sé crescita e sviluppo”.

E conclude: “Oggi più che mai l’Italia ha bisogno di essere unita. Prepariamoci a scrivere nuovi capitoli della storia Repubblicana che siano pieni di risvolti utili e vantaggiosi per tutti, solo così saremmo i protagonisti del nostro futuro. Buona Festa della Repubblica a tutti!”.