Basket Venatro – Antoniana Pescara: capitan Minchella presenta il match

36

canestro venafro

VENAFRO – Messo da parte il rammarico per la sconfitta arrivata nei minuti finali contro la capolista nella prima giornata della fase orologio, la Siem Basket Venafro è pronta a riprendere il suo viaggio in direzione play-off già dalla prossima partita. Questa volta si fa tappa al Palapedemontana, dove i ragazzi di Coach Valente affronteranno la giovane e temibile Antoniana Pescara.

Gli abruzzesi, dopo aver affrontato un buon periodo di ripresa, hanno subito una battuta d’arresto nelle ultime partite, con la vittoria che manca proprio dal match di ritorno contro i venafrani, quando gli abruzzesi erano riusciti a sorprendere i gialloblu e portarsi a casa il referto rosa.

Se guardassimo la classifica, potremmo avere pochi dubbi su quello che sarà il risultato di domenica, eppure, mai come in questa partita, il risultato non è affatto scontato. Lo sa bene la Siem, che l’ha imparato a sue spese, lo sa bene anche Capitan Minchella, con il quale abbiamo scambiato quattro chiacchiere prima del match.

Lo scorso weekend avete sfiorato un’altra impresa contro la capolista Teramo Basket. Rispetto a quello che era successo nell’ultimo match di stagione regolare, sabato siete arrivati poco lucidi nel finale di partita, buttando via una vittoria che sarebbe stata meritata. Cos’è che non ha funzionato?

“Per come è avvenuta è giusto definirla impresa l’ultima partita di regular season, ma quella dello scorso sabato è stato un match completamente diverso. Abbiamo giocato una buona pallacanestro per 35 minuti, abbiamo messo in campo una buona intensità, trovando fluidità in attacco, cosa che non era successa nella partita precedente.  Purtroppo in questo caso non siamo stati lucidi e bravi negli ultimi 3 minuti di gara a gestire il vantaggio che avevamo accumulato e ciò ha determinato la sconfitta”.

Domenica vi aspetta la sfida contro l’Antoniana Pescara, terzultima in classifica e a secco di vittorie proprio dal match contro di voi. La storia del campionato ci insegna a non sottovalutare nessun match e infatti nella regular season abbiamo assistito a due partite completamente diverse: l’andata in cui avete vinto abbastanza agevolmente con un +19 di scarto; il ritorno in cui, dopo una partita combattutissima, sono stati proprio gli abruzzesi ad avere la meglio. Che partita sarà secondo te? Su cosa bisogna puntare per cercare di evitare di nuovo sorprese?

“Pescara è una squadra da non sottovalutare: è giovane, sa essere imprevedibile, ci sono delle buone individualità ed è allenata bene. Storicamente è una squadra che ci ha messo sempre in difficoltà. Tutto dipenderà da noi: potremmo farla diventare una partita semplice o no. Sarà importante approcciare bene la partita, specialmente a livello difensivo, per poi gestire con serenità la parte offensiva”.

Quale credi sia la posizione che meritate e che vi faccia ritenere soddisfatti in vista della prossima griglia playoff?

“Beh nella nostra testa sappiamo dove vogliamo arrivare e sappiamo a quale posizione ambire, ma la realtà ci dice che il 3 posto è quello che attualmente meritiamo…ribadisco attualmente”.