Capracotta, gli auguri del sindaco agli studenti per il nuovo anno scolastico

46

CAPRACOTTA – “Domani inizia un nuovo anno scolastico, anche per i bambini e i ragazzi della nostra comunità. A loro facciamo gli auguri perché possa essere un anno bello e pieno di speranza”. Così su Facebook il sindaco di Capracotta, Candido Paglione, in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico.

“Alla dirigente scolastica, alle maestre, ai professori e alle professoresse – insieme al presidente nazionale dell’Uncem – chiediamo di essere protagonisti di un grande progetto che possa consentire a tutti di guardare con ottimismo al futuro che abbiamo davanti – aggiunge Paglione – La scuola, infatti, rappresenta per i nostri territori il luogo che tiene unita la comunità e rafforza la sopravvivenza stessa dei nostri paesi. Per questo ci rivolgiamo a voi, per condividere con l’Amministrazione comunale gli sforzi che stiamo facendo per tenere ancora aperta la nostra scuola, anche con numeri minimi. Aiutateci e incoraggiateci a sostenere il mantenimento del nostro plesso scolastico, anche come sfida per restare qui in modo convinto”.

Paglione poi aggiunge: “Vi chiediamo di continuare a portare i nostri studenti a scoprire il territorio dove vivono e dove stanno crescendo, parlando loro di storia, delle nostre tradizioni e dei nostri campanili, del nostro paese e di quella montagna di cose belle che abbiamo. Chiamate in classe anche il sindaco, il parroco, gli operatori economici, la Pro Loco e le altre associazioni e chiedeteci di raccontare cosa facciamo tutti i giorni e quale è la nostra missione”.

Da qui la richiesta del sindaco: “Portate i nostri bambini e i nostri ragazzi “a scuola di montagna”. Infatti, siamo tutti consapevoli che raccontare il territorio rappresenta la prima forma di educazione civica e che la scuola è il luogo dove si insegna ad essere parte della comunità. Per questo impegniamoci tutti a trasmettere l’amore per la nostra terra, facendo capire che loro potranno rigenerare la comunità e non dovranno necessariamente andare via”.