Empoli – La Molisana Magnolia in diretta: dove vedere la partita

26
Trimboli porta palla
Trimboli porta palla – photocredit: Marco Brioschi

Al via una settimana intensa per i fiori d’acciaio che mercoledì saranno impegnate in campionato e venerdì all’esordio in Coppa Italia

CAMPOBASSO – A 76 giorni dalla sua collocazione originale e dopo due tentativi di recupero andati a vuoto per le problematiche Covid-19 che avevano interessato – una volta a testa – le due contendenti, La Molisana Magnolia Campobasso è pronta a proiettarsi sulla quattordicesima giornata di campionato (la prima del girone di ritorno della Techfind Serie A1) con la trasferta al PalaSammontana sul parquet dell’Empoli col quintetto ospitante che, in questa stagione, ha vissuto un percorso particolarmente tormentato.

Per i #fioridacciaio, tra l’altro, dalla Toscana prenderà il via una settimana che potrebbe portare anche a quattro gare (con certezza venerdì ci sarà poi l’appuntamento con i quarti di finale di Coppa Italia contro la Virtus Bologna con in caso di successo l’eventuale semifinale al sabato e poi l’ipotetica finalissima domenica) con, in prospettiva, altre tre gare sino al 6 aprile e la prospettiva (dietro l’angolo) dei playoff che assegneranno lo scudetto.

AGENDA PIENA – Aspetti particolarmente chiari al coach delle rossoblù Mimmo Sabatelli, che ha ben chiaro – nella propria mente – il percorso da ‘tour de force’ cui sono attesi, d’ora in avanti, i #fioridacciaio.

«Ci attende una settimana piena – concorda alla vigilia della sfida sul campo delle empolesi – e senz’altro particolarmente intricata, ma anche sinonimo di un primo obiettivo fondamentale raggiunto da questo gruppo: ossia l’inserimento nel lotto delle migliori otto del torneo al giro di boa (sinonimo di un biglietto vidimato per la Final Eight del trofeo tricolore, ndr). Al di là di questo, però, il primo pensiero deve andare su questo confronto che, per noi, può avere un valore fondante in ottica playoff con l’obiettivo, tra l’altro, di provare a tenere salda la nostra attuale sesta posizione».

AMPIO RESPIRO – Del resto, poter prendere parte al ‘gran ballo per lo scudetto’ rappresenterebbe un ulteriore traguardo storico nella giovane storia della società rossoblù.
«Restano però – avverte Sabatelli – perlomeno altre quattro gare alla fine della regular season da affrontare tutte al massimo. Riuscire ad uscire da Empoli con un risultato positivo rappresenterebbe un ulteriore segnale importante lanciato da questo gruppo».

NUOVO TABÙ – Tanto più perché, dopo quello del PalaBubani, davanti a loro i #fioridacciaio hanno la possibilità di sfatare un’altra serie statistica sinora infelice. Mai, nella propria storia tra A1 ed A2, le rossoblù sono uscite con un referto rosa dal PalaSammontana dove, tra l’altro, hanno dovuto fare i conti anche con degli acciacchi fisici palesatisi sul parquet.

«Ben oltre il semplice dato storico – spiega ancora Sabatelli – Empoli ha dimostrato di essere squadra con qualità ben precise e lo si è visto anche nell’ultimo turno su un campo difficile come quello di Costa Masnaga. Nel torneo di A1 non c’è nulla di semplice e di scontato ed ogni gara riserva delle difficoltà. Dovremo essere pronti a non disunirci e restare sempre ben presenti come avvenuto a Faenza».

TANTA SFORTUNA – Empoli – dal canto suo – punta in queste ultime gare a proiettarsi sui playout ed evitare la retrocessione diretta. Le toscane, ex squadra di due attuali elementi del roster campobassano (l’esterna argentina Chagas e la lunga croata Premasunac), hanno – come riconosce il trainer rossoblù – dovuto fare i conti «con tanta sfortuna. La loro stagione non è stata felice, ma in casa sanno come essere pericolose e parliamo di un club che ha sempre lavorato al meglio. Tra l’altro, con le variazioni operate all’interno del proprio roster, hanno raggiunto un maggiore equilibrio e reso più salde gerarchie ed opzioni tattiche».

GESTIONE OCULATA – Le rossoblù, che, come avvenuto con Faenza, sosterranno un ultimo allenamento mattutino all’Arena e poi partiranno nel primo pomeriggio per la Toscana, sanno che sarà determinante in quest’ultima fase un’attenta gestione delle risorse.

«Dovremo avere l’accortezza di dosare le nostre forze, potendo contare anche sull’apporto delle nostro junior che avranno l’opportunità di poter dare il loro contributo in questa fase. Serviranno lucidità ed attenzione cercando di porre il focus esclusivamente sulla gara del momento».

PIANO PARTITA – Tradotto sul versante del piano partita elaborato per la circostanza e con l’obiettivo di puntare a centrare il terzo referto rosa consecutivo, un simile atteggiamento dovrà sostanziarsi «nella gestione del ritmo, cercando di condurre la gara secondo canoni a noi più congeniali. La loro è una squadra di energia, capace di esaltarsi quando è in striscia. Dovremo prestare attenzione e lavorato tanto in difesa per provare a far emergere la nostra pallacanestro».

DETTAGLI COMPLESSIVI – Con palla a due alle ore 19 del primo mercoledì di primavera (il 23 marzo), la sfida ad Empoli delle magnolia sarà trasmessa in esclusiva diretta streaming su Lbftv, la piattaforma pay sul web della Lega Basket Femminile. A dirigere le operazioni la terna ‘mista’ composta dal livornese Alessandro Costa, dal pontino Lorenzo Lupelli e dalla prenestina Emanuela Tommasi.

PIANI PARALLELI – Mezz’ora prima in Veneto, a San Martino di Lupari, la Magnolia sarà presente con il suo direttore generale Rossella Ferro al convegno ‘Donne&Leadership’ che rappresenterà – dopo la conferenza stampa delle scorse ore – il secondo momento di avvicinamento alla Final Eight di Coppa Italia nello scenario del PalaLupe. Con la direttrice marketing La Molisana, nonché consigliere federale della Fip, al tavolo, coordinate dalla moderatrice Mary Sbrissa, saranno presenti anche Raffaella Masciadri, Afsoon Neginy ed Alessandra Pettenon.

SOTTO I FERRI – Nelle scorse ore, intanto, dopo l’infortunio patito contro il San Martino di Lupari, la lunga croata Nina Premasunac si è sottoposta ad un secondo intervento dopo quello cui si era sottoposta a metà febbraio, pochi giorni dopo la problematica fisica occorsale.