I fratelli Ziroli, due grandi figli del Molise. Provenivano dalla provincia di Isernia

396

Oreste Claudio Sabino e Humbert William Ziroli erano originali di Montenero Val Cocchiara e Scapoli

MONTENERO VAL COCCHIARA (IS) – Quando Nicola Ziroli, nato a Montenero Val Cocchiara, e Marcia (assai più probabilmente Marzia) Di Fiore, nata a Scapoli, si sposarono di certo non avrebbero mai pensato che, un giorno, due dei loro figli sarebbero divenuti due importanti personaggi americani. La famiglia Ziroli emigrò per gli Stati Uniti nel 1890 stabilendo la loro residenza a Fall River, contea di Bristol, in Massachusetts. Ebbero 8 figli e di due di loro racconteremo le loro importanti storie.

Humbert William Ziroli premiato da Re Umberto II di SavoiaOreste Claudio Sabino Ziroli

Nacque a Scapoli (IS) il 24 settembre del 1881. A nove anni lasciò il Molise e sbarcò ad “Ellis Island”. Intelligente, assennato ed ambizioso non desiderò altro che studiare per potersi poi affermare. Si laureò in Architettura ed Ingegneria. Trasferitosi, nel 1902, a Worcester divenne un riferimento come affermato professionista nel campo delle costruzioni. Per ricordarne solo alcune: Worcester Market House; Christian Science Church e Packard Service Station.

Nel 1917 fu Direttore e Vice Presidente della importante ”Samuel H. Pitcher Company Inc.” Nel 1919 sposò Bertha W. Denny. Sostenne la ”Improved Order of Red Men”. Fu componente di varie associazioni: “Worcester Rifle Club”, “Worcester Country Fish and Game”, “Leicester Club”. Poi per anni lavorò ad importantissime e strategiche realizzazioni militari per il Governo degli Stati Uniti. Fu un sostenitore convinto del Partito Repubblicano. Morì nel marzo del 1976.

Oreste Claudio Sabino ZiroliHumbert William Ziroli

Nacque Fall River nel Massachusetts il 21 settembre del 1893. Si laureò brillantemente nel 1916. Frequentò con successo la “United States Naval Academy” di Annapolis. Divenne, dopo una brillantissima carriera militare, un Ammiraglio tra i più importanti della Marina Militare americana. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale. Comandò importanti unità navali e anche sommergibili. Nella Seconda Guerra Mondiale al comando della “U.S.S. Brooklyn”ebbe un ruolo strategico e vincente nello “Sbarco in Sicilia”.

La motivazione della “Legion of Merit” recitava più o meno così: “Per un comportamento eccezionalmente meritorio nel servizio reso agli Stati Uniti al comando delle operazioni con la ““U.S.S. Brooklyn” durante la campagna di Sicilia. Decisivo in appoggio alla Terza Divisione. Dirigendo con sapienza la forza d’attacco della sua nave e distruggendo le batterie avversarie. Mostrando, oltre alla enorme esperienza tattica, in condizione estremamente difficili una devozione senza paura.

L’Ammiraglio Ziroli ha contribuito il larga misura al successo delle nostre forze in quella zona vitale”. Altri riconoscimenti: Victory Medal, Destroyer Clasp; American Defense Service Medal; Fleet Clasp (USS Philadelphia); European African Middle Eastern Area Campaign Medal; World War II Victory Medal. Nel 1946 Re Umberto II di Savoia gli consegnò il riconoscimento “Ordine della Corona d’Italia”. E’ ancora oggi ricordato e studiato come uno storico Ammiraglo della United States Navy . Una curiosità: appassionato del “Palio di Siena” divenne, nel 1974, “protettore” della contrada “La Pantera”. Morì il 20 ottobre del 1979.

Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”