Mondiali 1982 La rinvincita, il libro di De Core apre “Un mese di libri”

35

mondiali 1982 la rivincitaMACCHIAGODENA – Sabato 8 maggio 2021, alle ore 17,30, l’appuntamento di apertura della manifestazione Un Mese di Libri – Macchiagodena 2021 è con il giornalista e scrittore, vicedirettore del Corriere dello Sport, Francesco de Core. L’autore presenterà nel paese isernino, con il giornalista della Rai, Mauro Carafa, il suo ultimo libro Mondiali 1982. La rivincita. Dalla polvere alla gloria: il trionfo dell’Italia. Coordinerà la serata Giuseppe Rapuano, giornalista e direttore del giornale online CinqueW News.

Mondiali 1982. La rivincita. Dalla polvere alla gloria: il trionfo dell’Italia (Editore Diarkos, 05/08/2020, pagine 320, euro 16, Collana: Grande Sport)

I mondiali di calcio del 1982, organizzati a due passi dall’Italia, in una Spagna rigenerata, videro la Nazionale italiana protagonista di un caso unico di morte e resurrezione: dalla polvere alla gloria in due settimane. L’Italia affrontò le prime tre partite del mondiale spagnolo, che furono un disastro: tre pareggi con Polonia, Perù e Camerun. L’Italia passò il turno ma solo per la differenza reti. Sulla Nazionale si abbatte una campagna negativa mai vista prima: accuse, sospetti, pettegolezzi. Le critiche maggiori caddero soprattutto su Paolo Rossi, che non segnò e giocò malissimo. La sua convocazione era stata fortemente voluta dal commissario tecnico Enzo Bearzot, seppure tra mille contestazioni. Il secondo turno è proibitivo: un girone a tre con Argentina e Brasile. Il destino dell’Italia sembra segnato. Il 29 giugno, però, qualcosa improvvisamente cambia: l’Italia sfida l’Argentina e vince due a uno con una partita magistrale. La svolta vera, per lui e per tutti, arriva il 5 luglio, quando l’Italia incontra il Brasile. Rossi fa tre gol e trascina la nazionale in semifinale. L’otto luglio, Rossi si ripete: fa altri due gol, in semifinale con la Polonia, e regala la finale alla Nazionale. Tre giorni dopo, l’11 luglio, la consacrazione: Rossi segna il primo gol della finale al Santiago Bernabeu, trascinando la nazionale alla vittoria dei Mondiali. Rossi è il trionfatore del Mundial, si guadagna il nomignolo di Pablito, chiude la competizione come capocannoniere e, tre mesi dopo, vince il Pallone d’oro. La Nazionale torna in Italia sull’aereo presidenziale, con Sandro Pertini che li riporta a Roma come eroi popolari. Dalla fine alla vetta, in due settimane.

Francesco de Core

Francesco de Core, nato a Caserta (1965), è vicedirettore del Corriere dello Sport-Stadio, dopo avere ricoperto l’incarico di caporedattore a Il Mattino di Napoli. Ha lavorato inoltre per Canale 10, il Roma, L’Informazione, il Giornale Radio Rai, Il Corriere del Mezzogiorno. Ha scritto il saggio Un pallido sole che scotta (2015); insieme con Ottorino Gurgo Silone, l’avventura di un uomo libero (1998), Burocrati e saltimbanchi, siete il veleno della sinistra (1999), Silone, un alfabeto (2003). Ha curato il libro di scritti di Silone Esami di coscienza (2000) e Stanza 1304, la finestra sulla guerra (2004). Suoi interventi compaiono nei volumi L’eredità di Tempo presente (2000), Nel Sud. Senza bussola (2002), Silone. La libertà (2007), Stranieri. Albert Camus e il nostro tempo (2012), Fuoco sulla città (2013), F For Fake (2013). Nel 2017 ha pubblicato Con gli occhi di Caravaggio (2017), con foto di Sergio Siano.

La manifestazione culturale dedicata al libro e alla lettura prenderà il via sabato 8 maggio e avrà il suo culmine il 29 maggio 2021. Per quattro giornate del mese in corso, si terrà a Macchiagodena, comune in provincia di Isernia, questa prima edizione di Un Mese di Libri, voluta dall’Amministrazione comunale locale, guidata dal sindaco Felice Ciccone, realizzata in collaborazione con il network Borghi della lettura, e promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune molisano, del quale è responsabile Luciana Ruscitto. Dopo Francesco de Core, Nadia Verdile, Lidia Luberto e Massimo Bray gli altri protagonisti dei sabati primaverili.

GLI ALTRI EVENTI PREVISTI ALL’INTERNO DI UN MESE DI LIBRI

Il secondo appuntamento si terrà sabato 15, alle ore 17,30, e vedrà come protagonista la giornalista e scrittrice Nadia Verdile. Carne Viva. Una saga italiana fra Otto e Novecento (Pacini Fazzi Editore) è il titolo del romanzo che l’autrice presenterà al pubblico molisano. Del libro, Verdile, ne parlerà con Tonino Danese, giornalista di Telemolise; coordinerà la giornalista di Officina dei Giornalisti, Miriam Iacovantuono.

Lidia Luberto, giornalista e scrittrice, nel terzo appuntamento, quello del 22 maggio, alle ore 17,30, presenterà il suo libro Miriam Mafai (Pacini Fazzi Editore). L’autrice dialogherà con Sara Scalia, giornalista e figlia di Miriam Mafai, e con Giovanni Mancinone, giornalista e vicepresidente dell’Assostampa Molise.

L’ex ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo del Governo italiano, Massimo Bray, attualmente direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Treccani, sabato 29, alle ore 17,30 sarà a Macchiagodena col suo Alla voce cultura. Diario sospeso della mia esperienza di Ministro (Manni Editore). Giovanni Cerchia, ordinario di Storia Contemporanea all’Università degli Studi del Molise parlerà del libro con l’autore; coordinerà Valentina Ciarlante, giornalista di Teleregione Molise.

Tra gli appuntamenti in Un Mese di Libri, che si terranno tutti in Piazza Ottavio De Salvio (in caso di maltempo nella Biblioteca Comunale), il 29 maggio, si svolgerà anche la cerimonia per il Conferimento del Premio Nazionale “Genius Loci”, con i riconoscimenti ai vincitori del concorso letterario per poeti e scrittori ideato dal Comune di Macchiagodena.