Coronavirus, restituite le chiavi delle attività a Termoli e Larino

33

incontro termoli ristoratori

TERMOLI – Ristoratori e titolari di attività di Termoli e Larino hanno restituito le chiavi ai sindaci Francesco Roberti e Pino Puchetti per protestare contro la ripartenza troppo lenta decisa dal Governo nei confronti del settore commerciale, fortemente penalizzato dall’emergenza sanitaria da coronavirus. I rappresentanti del Movimento per l’ospitalità molisana, nato qualche giorno addietro, hanno illustrato ai due sindaci la situazione di grave difficoltà.

Pieno sostegno da parte dei sindaci Roberti e Puchetti ai ristoratori dopo il flash mob di ieri sera con l’accensione delle luci nelle attività. Roberti, parlando agli operatori, ha sottolineato come nella prossima scadenza del 4 maggio è importante continuare a rispettare le regole.

Ristoratori ma anche titolari di bar, lidi e altre attività chiedono di: “adottare misure volte a scongiurare la chiusura delle stesse, e di rendersi portavoce presso il governo centrale delle istanze e delle misure proposte dalle categorie, necessarie a consentirne la sopravvivenza”.