Ritrovati centinaia di retini sulla spiaggia a sud di Campomarino

CAMPOMARINO (CAMPOBASSO) – “Le reste stanno uccidendo il mare. E’ arrivato il momento di fermare chi inquina”. E’ l’appello lanciato da Luigi Lucchese, presidente di Ambiente Basso Molise a seguito del ritrovamento di centinaia di retini sulla spiaggia a sud di Campomarino.

“Sono tra i rifiuti più pericolosi che si depositano lungo le meravigliose spiagge molisane – ha spiegato – Questi retini in plastica utilizzati nell’allevamento delle cozze andrebbero smaltiti dai pescatori nei porti di provenienza ma immancabilmente finiscono in mare a dispetto delle norme della buona educazione e del rispetto per l’ambiente”.

“Chi abbandona le reste – ha aggiunto – in mare è gente senza scrupoli che getta in mare quintali e quintali di retini che mettono a serio rischio l’intera fauna ittica e finiscono per deturpare le coste. Tartarughe, uccelli e mammiferi marini possono morire per l’ingestione accidentale dei rifiuti scambiati per cibo”.