Salvatore Minervino nuovo direttore marittimo dell’Abruzzo, del Molise e delle Isole Tremiti

29

TERMOLI – Cambio di comando al vertice della Direzione Marittima dell’Abruzzo, del Molise e delle Isole Tremiti. Dopo quasi due anni e mezzo di comando, il Capitano di Vascello Donato de Carolis, destinato ad assumere il prestigioso incarico di Capo Reparto Pesca presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali di Roma, ha passato il testimone al Capitano di Vascello (CP) Salvatore Minervino – già in passato Comandante in seconda della Direzione Marittima di Pescara.

La cerimonia si è svolta presso la sede della Direzione Marittima di Pescara in forma ridotta, davanti ad una rappresentanza del personale militare e civile, ma senza la presenza delle autorità militari e civili, in ottemperanza alle misure restrittive in materia di contenimento del contagio da Covid-19. Non è mancata, tuttavia, la solennità del momento, poiché il passaggio di consegne è avvenuto alla presenza del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, l’Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino e del Comandante del Comando Marittimo Sud, l’Ammiraglio di Divisione Salvatore Vitiello, giunto da Taranto per l’occasione.

Nel corso della cerimonia, prima di recitare la formula di riconoscimento per la cessione del comando, il Capitano di Vascello de Carolis ha dedicato un pensiero alle famiglie delle vittime colpite dalla pandemia e successivamente ha rivolto un sentito e partecipato discorso di saluto al personale schierato, volendo così idealmente abbracciare tutti coloro che non hanno potuto assistere. Parole di profondo ringraziamento sono state espresse anche a tutte le autorità ed agli enti locali che, seppur non presenti fisicamente, hanno accompagnato e sostenuto questo periodo di Comando.

Assunto il comando, ha quindi preso la parola il nuovo Direttore Marittimo dell’Abruzzo, del Molise e delle Isole Tremiti, il Capitano di vascello Salvatore Minervino, che dopo aver ringraziato il Comandante Generale per la fiducia accordatagli, ha dichiarato da subito la propria volontà di continuare con responsabilità e senso del dovere sulla strada tracciata dal suo predecessore, assicurando il proprio impegno per una sollecita risoluzione delle problematiche portuali di Pescara e degli altri sorgitori di tutta la Direzione Marittima, con l’aiuto del personale alle sue dipendenze.