Serata di solidarietà a Campobasso con l’Ensemble Femminile MusArte

28

concerto ensemble femminile musarte

Felice: “Il Comune di Campobasso condivide e sostiene il progetto Kintsugi. Celebrare ogni donna è sempre un successo”

CAMPOBASSO – Una serata dedicata alla bellezza femminile in tutte le sue forme e attraverso le sue espressioni artistiche più intense, quella che si è svolta mercoledì 22 dicembre preso il Teatro Savoia, con l’Ensemble Femminile MusArte, diretta dal M.° Clara Galuppo, in un concerto, inserito nel cartellone degli eventi di “Natale in Città” del Comune di Campobasso, che ha proposto, grazie alla voce di Ilaria Bucci,un viaggio attraverso le più belle canzoni della musica italiana ed è servito a promuovere riflessioni su temi importanti che toccano da vicino l’universo femminile, oltrechè a raccogliere fondi per la realizzazione di un nuovo progetto della Lilt di Campobasso.

“Dieci bellissime donne, professioniste, artiste e mamme, con questo concerto, hanno voluto mettere in campo tutto il loro impegno per sensibilizzare, attraverso la musica, l’opinione pubblica su un tema importante come quello della parità retributiva. – ha voluto giustamente sottolineare l’assessore alla Cultura Paola Felice – Un’orchestra tutta al femminile, Musarte, e la voce di Ilaria Bucci ci hanno regalato profonde emozioni nel bellissimo Teatro Savoia. L’intero ricavato della serata, – ha spiegato l’assessore Felice – organizzata dal Comune di Campobasso, inoltre è stato devoluto alla LILT di Campobasso per la realizzazione del progetto Kintsugi: un percorso dedicato alle pazienti oncologiche che, partendo dalle ferite inferte dalla malattia, possano giungere alla riscoperta di una nuova e forse più vera bellezza”.

Prendersi cura di sé, tessere relazioni significative, raccontare l’esperienza della malattia: questi sono in sintesi i tre obiettivi di KINTSUGI, il percorso della LILT di Campobasso dedicato alle donne pazienti oncologiche, che mutua il suo nome dall’antica arte giapponese di riparare gli oggetti con della polvere d’oro, dando loro nuova vita, senza cancellare le ferite; anzi, valorizzandole, facendone cioè un punto di partenza. In concreto, con il percorso KINTSUGI la LILT di Campobasso organizzerà dei laboratori partecipativi di estetica oncologica, per migliorare la qualità della vita delle donne pazienti oncologiche di Campobasso, o che sono in cura presso le strutture sanitarie della città. I laboratori saranno condotti con l’aiuto di professionisti del settore, che aiuteranno le partecipanti a prendersi cura di sé (trattamenti estetici, trucco e parrucco, ecc.), partendo dalla Bellezza esteriore. I laboratori saranno, inoltre, un’occasione di incontro, condivisione di esperienze e recupero della socialità. Verrà sviluppato un percorso parallelo di storytelling dell’esperienza della malattia, attraverso i linguaggi della fotografia e del video-documentario. Lo scopo di questa attività è duplice: da un lato permetterà alle donne di parlare della loro esperienza, condividendola; dall’altro lato, permetterà di produrre materiale da diffondere all’esterno, per sensibilizzare all’esperienza della malattia. Un fotografo professionista, un videomaker e un comunicatore seguiranno il percorso di rifioritura delle donne partecipanti ai laboratori, raccogliendo esperienze e creando materiale originale, per raccontarne il cammino e, insieme, il progetto.

“Celebrare ogni donna è sempre un successo – ha aggiunto l’assessore Felice – perché è come celebrare la vita. Farlo a Natale, durante l’attesa più lieta, è simbolicamente ancora più bello”.