Tempo di elezioni per i Crociati e Trinitari

CAMPOBASSO – Nella serata di Martedì 22 Ottobre 2019, presso la sede dell’Associazione pro Crociati e Trinitari per le Rievocazioni Storiche Molisane, a seguito di una partecipata assemblea degli associati, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio direttivo per il triennio 2019 – 2021. Alla chiusura del seggio, con un ampio consenso, la guida dello storico e prestigioso sodalizio campobassano è stata nuovamente affidata al dinamico ed appassionato Presidente uscente Giuseppe Santoro, campobassano doc.

Ad affiancare il presidente Santoro, l’assemblea ha scelto quattro dirigenti ovvero Franco Pagliani, nella figura di Vicepresidente, Sandra Palombo, con l’incarico di Tesoriere, Alessandra Graziano, con la carica di Segretario e Maria Pia Minichetti.

Grande soddisfazione tra i neo eletti pronti a guidare l’Associazione per i prossimi tre anni con ambiziosi progetti nel cassetto, il cui fine è sempre quello di diffondere la storia della città capoluogo del Molise: questo sarà reso possibile grazie anche a tutto l’instancabile staff dell’Associazione pronto ad affiancarli.

Commenta così il presidente Santoro, appena riconfermato: “Sono molto soddisfatto del lavoro svolto in questi anni e ringrazio i componenti del Consiglio direttivo uscente, dello Staff associativo nonché tutti gli associati e non, dal primo all’ultimo figurante, che mi sono sempre stati vicini in questo periodo e tutti coloro che con il loro contributo, nel corso degli anni, hanno permesso a questo storico Sodalizio di raggiungere l’importante traguardo dei 65 anni di attività. Sono naturalmente onorato di poter proseguire il mio lavoro per l’Associazione e per la città di Campobasso e spero di ripagare la fiducia che mi è stata rinnovata. Quello che è appena cominciato sarà un triennio molto impegnativo ma di certo ricco di tante e nuove soddisfazioni e sorprese, alcune delle quali saranno presentate già a partire dalle prossime settimane. Voglia di fare bene e spirito di sacrificio non mancano da parte di tutti noi dell’Associazione per consolidare il prestigio delle nostre storiche origini non solo in Italia ma anche all’estero”.