Castelmauro, Italia Nostra e Tedeschi: “No all’eolico”

Le associazioni sottolineano che le pale eoliche procurerebbero danni al territorio, al paesaggio oltre che alla comunità locale

Italia Nostra Molise Associazione Tedeschi loghiCASTELMAURO – Italia Nostra Molise e Associazione Tedeschi intervengono sulla possibilità che vengano installate otto pale eoliche nel territorio di Castelmauro. Si legge nella nota:

“Coperta dal frastuono prima della campagna elettorale nazionale e poi da quella regionale, la Determina Dirigenziale n. 328 del 12.02.2018 autorizza la società S.E.T. srl ad installare n. 8 pale eoliche alte 120 metri nel territorio di Castelmauro, in una zona di straordinaria bellezza paesaggistica e a breve distanza dall’Osservatorio Astronomico “G. Boccardi”.

L’area sarà stravolta, la comunità locale ne uscirà penalizzata e impoverita, l’impatto ambientale negativo estenderà i suoi danni all’intera zona che muterà la visuale, ed i cittadini che dispongono di terreni e/o fabbricati nelle vicinanze ne saranno danneggiati perché è notorio il calo di valore di case e fondi agricoli ubicati nei pressi degli aerogeneratori.

L’Amministrazione Comunale di Castelmauro non trarrà beneficio dall’installazione delle Pale Eoliche tanto è vero che ha tentato di opporsi a questo ennesimo scempio ambientale, ma lo scontro è stato impari visti gli interessi in gioco.

Con questo Appello ci rivolgiamo al neo – Presidente della Regione Molise perché acquisisca tutta la documentazione, convochi il Sindaco di Castelmauro e verifichi se ci sono le condizioni tecniche, amministrative, procedurali e/o di altra tipologia o causa, utili a rivedere un provvedimento indigesto per la comunità locale e per le Associazioni che da anni lottano in difesa del paesaggio, della salute, dell’agricoltura e dell’ambiente.

Il Molise con centinaia di pale eoliche, sterminate estensioni di campi fotovoltaici, e numerose centrali turbogas, inceneritori o impianti di produzione energetica a biomasse e/o di altra natura, ha già superato la quantità prevista a livello europeo di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Ciò che serve è uno sviluppo ecocompatibile ed ecosostenibile fondato sulla valorizzazione delle risorse locali e sull’esaltazione delle bellezze naturali, storiche, paesaggistiche, artistiche e ambientali”.