4 novembre: Frattura, “Una ricorrenza ancora attuale”

59

CAMPOBASSO – “Sono circa 100 anni che in contesti diversi, situazioni sociali e storiche mutevoli e fluide, noi ci fermiamo e ricordiamo l’Unità di questo nostro Paese e ringraziamo chi da sempre la tutela e ce l’assicura. Anche oggi, e soprattutto oggi, questa ricorrenza non perde in attualità e significato”. Lo ha detto il Presidente della Regione Molise Paolo Frattura a Campobasso, in occasione delle celebrazioni per la ricorrenza del 4 novembre: Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze armate.

“L’importanza la ritroviamo nella lente ingrandita della nostra Europa che continua a registrare spinte separatiste – ha proseguito Frattura – Minimizzare le tensioni sociali, soprattutto tra le fasce più deboli, significherebbe lasciare chi soffre al suo dolore. E, invece, guardiamo ai cambiamenti della realtà e proviamo a interpretarli per indirizzarli nella giusta direzione. Abbiamo avuto la Brexit, ora l’ingarbugliato caso della Catalogna e poi i referendum in casa nostra per una maggiore autonomia regionale”.

Frattura ha sottolineato l’importanza del dialogo e dell’apertura per combattere ostilità e chiusure dettate dalla paura. “Il nostro Paese e gli altri Stati europei sono stati grandi nazioni quando non hanno avuto paura di confrontarsi e sostenersi a vicenda per assicurare a tutti l’equilibrio della pace – ha concluso – il patrimonio più importante che abbiamo, assicurato dal sacrificio delle Forze armate. Questo non è nato da niente, è frutto di dolore, coraggio e anche di morte: preserviamolo dando valore a ogni passo della storia”.

Cerimonia anche a Termoli, in Piazza Monumento, dove il sindaco Angelo Sbrocca e i rappresentanti delle Forze dell’Ordine locali hanno deposto una corona di fiori. “Il senso di questa cerimonia, semplice e sobria, è quello di rinnovare la nostra ammirazione per chi, giovanissimo, ha creduto negli ideali dell’unità e della libertà a costo di sacrificare la propria vita”, ha detto Sbrocca.