Analisi sensoriale del miele, lezioni sold out a Campobasso

40

corso miele

Il prof. Antonio De Cristofaro: “Ottimi riscontri, nel 2020 organizzeremo un corso avanzato per portare nell‟albo nazionale degli assaggiatori anche molisani”

CAMPOBASSO – “Lezioni strapiene e grande attenzione da parte dei corsisti”. C‟è grossa soddisfazione al termine del corso di “Introduzione all‟analisi sensoriale del miele‟ che si è svolto negli uffici della Confcooperative Molise di via Nina Guerrizio negli ultimi due weekend. Le lezioni sono state organizzate dal Gruppo Apistico Paritetico Volape, gruppo di associazioni apistiche nato in Molise e sviluppatosi in Campania, Lazio, Toscana e Piemonte, e sono state tenute da due docenti appartenenti all‟albo nazionale degli esperti in analisi sensoriale del miele, ovvero Rodolfo Floreano e Floriana Carbellano, rispettivamente editore e direttore della rivista “Apicoltore Italiano‟.

Il prof. Antonio De Cristofaro, professore di entomologia e apicoltura, annuncia che è stato raggiunto un duplice obiettivo: “Il corso ha avuto un estremo successo, sono stati esauriti tutti i posti disponibili in anticipo. É stato svolto con entusiasmo, tutti hanno raggiunto una valutazione positiva e le lezioni sono state condotte dai docenti con estrema professionalità. Liniziativa ha avuto un successo tale che organizzeremo nella primavera/estate del 2020 un corso di livello avanzato (quello attuale era di base), perché la cosa più importante è rendere consapevoli gli apicoltori della qualità del miele che producono per valorizzarlo nella commercializzazione. E inoltre, lobiettivo è cercare di portare un certo numero di corsisti molisani a iscriversi all‟albo nazionale degli assaggiatori di miele”.

I docenti Rodolfo Floreano e Floriana Carbellano sottolineano la partecipazione altissima e soprattutto l‟attenzione spiccata da parte dei corsisti: “Tutti hanno tramutato la loro intenzione nella capacità di fare l’analisi sensoriale del miele e hanno sviluppato anche una passione che probabilmente anche noi docenti abbiamo trasmesso. Oltre che la didattica ci vuole anche la passione, solo così i corsisti seguono con entusiasmo e sviluppano la propria professionalità. Molti di loro hanno in varie prove fatto l‟en plein, ottenendo il massimo risultato nell‟analisi e di questo siamo molto soddisfatti. Da qui si possono mettere le basi per far nascere in Molise un gruppo di assaggiatori competenti. Devo dire che siamo stati benissimo a Campobasso, grazie all‟ottima organizzazione di Volape e Confcooperative Molise, ci piacerebbe poter tornare”.

E questi sono alcuni commenti raccolti al termine delle lezioni. Pasquale Riccitelli di
Riccia, che lavora all‟Istituto Professionale per l‟agricoltura, è un apicoltore “hobbista‟: “Sono un socio Volape. Devo dire che è andata molto bene, non mi aspettavo di arrivare ad oggi con questo bagaglio di conoscenze. Sono stato bravo a riconoscere almeno i mieli più caratteristici e i docenti sono stati fenomenali”.

Mariagrazia Schiavo di Salerno, apicoltrice “hobbista‟ e titolare di una struttura extralberghiera a Santa Maria di Castellabate: “I docenti sono stati davvero in gamba a farci fare un percorso di conoscenza che ci ha portato a riconoscere la varietà di mieli che abbiamo sul territorio. Mi ritengo molto soddisfatta e pronta per aumentare questa conoscenza sempre di più. Andremo avanti con i corsi fino agli esami finali”.

“Obiettivo raggiunto, anche se siamo consapevoli che abbiamo appena attraversato una sola tappa, di un lungo percorso in cui siamo quotidianamente impegnati con tutta la struttura tecnica di VOLAPE e delle sue consociate, per migliorare la professionalità dei nostri apicoltori e, dunque, contribuire ad una crescita qualitativa del settore nel suo complesso. Non posso però, in conclusione, non sottolineare con particolare soddisfazione l‟elevata partecipazione femminile al corso. In chiara controtendenza con i dati generalmente disponibili che descrivono l‟apicoltura come un settore tendenzialmente al maschile, possiamo affermare che in Molise, l‟apicoltura si colora di rosa” ha concluso Riccardo Terriaca, amministratore delegato di VOLAPE.