Campobasso, 73° Anniversario della Repubblica: divieti, chiusura strade

29

comune Campobasso

CAMPOBASSO – Il 2 Giugno 2019, si celebrerà il 73° Anniversario della Proclamazione della Repubblica Italiana. A Campobasso il programma ufficiale della manifestazione interesserà Piazza G. Pepe e il Piazzale del Castello Monforte. Al fine di adottare una adeguata regolamentazione stradale sulle aree interessate, al fine di consentire lo svolgimento della cerimonia è stata firmata un’ordinanza. Vediamo cosa prevede.

Domenica 2 Giugno 2019, dalle ore 7.00 fino al termine della cerimonia del 73° Anniversario della Proclamazione della Repubblica Italiana viene fatto divieto di sosta nel piazzale del Castello Monforte. Dalle ore 8.00 fino al termine della cerimonia chiusura al traffico:

  • di Viale F.lli Sipio e Viale del Castello;
  • Via Milano, da incrocio Via Trieste a incrocio Via Zara, lato sinistro secondo la direzione di marcia Via Monforte – Piazza della Repubblica
  • divieto di sosta dalle ore 7.00 del 2.06.2019 a fine cerimonia.

Il personale di cui all’art. 12 del D.Lgs n.285 del 30/04/1992, che espleta servizi di Polizia Stradale di cui all’art. 11 del C.d.S., è incaricato della vigilanza per l’esatta osservanza della presente ordinanza. Il personale del servizio segnaletica provvederà all’apposizione della segnaletica stradale. Eventuali veicoli in sosta non autorizzati saranno rimossi a mezzo carro attrezzi. Le infrazioni saranno punite secondo le norme previste dall’ art. 7 del C.d.S..

AVVERTE

Ai sensi dell’art. 3 ultimo comma della legge 241/90, che contro il presente atto può essere presentato ricorso, alternativamente al T.A.R. Molise competente ai sensi del d.lgs 104 del 2010, o al Presidente della Repubblica ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199 rispettivamente entro 60 gg. ed entro 120 gg. a decorrere dalla data di pubblicazione del presente atto. É, altresì, ammesso, a norma di quanto previsto all’art. 37 del D.L. 285/92 e con le modalità indicate all’art. 74 del D.P.R. n.495/92, ricorso al Ministero dei Trasporti entro 60 gg. dalla data di pubblicazione.