Campobasso, al via il progetto Ufficio di immaginazione Civica

Campobasso, al via il progetto Ufficio di immaginazione Civica

Dal 27 aprile presso gli sportelli informativi della Sicurform Italia Group, in via san Giovanni in Golfo 208/A

CAMPOBASSO – Partono ufficialmente sabato 27 aprile dalle 9:30 alle 13:00 presso gli sportelli informativi della Sicurform Italia Group, in via san Giovanni in Golfo 208/A a Campobasso, le iscrizioni ai corsi del progetto “Ufficio di Immaginazione civica”, con i vari laboratori permanenti in cui poter elaborare, ma anche sperimentare le nuove tipologie di collaborazione tra le associazioni presenti sul territorio.

L’ idea è quella di sviluppare progetti che siano in grado di facilitare nuove relazioni e costruire reti, condividere risorse, progetti ed esperienze, valorizzando il capitale sociale del territorio.

Agia Molise, Associazione dei Giovani Imprenditori Agricoli della Cia – Agricoltori Italiani, è partner ufficiale del progetto e promuove, in un’ottica rinnovata del concetto di rete di associazioni, un laboratorio sul tema dell’agricoltura sociale, sostenibile e dell’educazione agroalimentare.

“Il tema dell’agricoltura investe l’intera società, non solo chi vi opera direttamente, in quanto la produzione e il consumo di cibo riguarda il benessere individuale e collettivo. In questo senso – spiega il presidente di Agia Molise, Andrea Mastrogiorgio – nutrire il pianeta in modo sostenibile restituisce senso alla missione dell’agricoltura moderna, la cui immagine è stata offuscata negli anni da pratiche produttive volte principalmente alla massimizzazione della produzione, e da scelte consumistiche che hanno privilegiato prodotti industriali a basso costo senza prestare attenzione ai costi sociali e ambientali.

Oggigiorno prodotto, territorio, qualità e sostenibilità si fondono in campo agricolo per rispondere ai bisogni dei consumatori che sono sempre più attenti ai requisiti culturali, immateriali ed etici dei prodotti, che le aziende sono in grado di offrire tramite vendita diretta e forme di distribuzione innovative (Spesa in campagna, GAS, mercatini locali). L’agricoltura non coinvolge solamente aspetti ambientali ma anche sociali, in quanto l’ambiente agricolo e chi vi opera, in sinergia con altri soggetti operativi può portare allo sviluppo di forme di welfare innovativo sul territorio, per dare risposte ai fabbisogni primari e sociali di diverse categorie di soggetti svantaggiati.

L’agricoltura sociale oltre ad essere utile per la collettività può rappresentare, per le aziende agricole, un’opportunità per diversificare il reddito aziendale e contribuire allo sviluppo delle aree interne.

Per questi motivi le nostre attività mirano a sviluppare e promuovere per tutti gli attori del terzo settore e i cittadini interessati buone pratiche di agricoltura sostenibile, sociale ed educazione agroalimentare per incentivare il consumo responsabile di prodotti locali sostenibili, attraverso sia lezioni d’aula interattive che attraverso visite ad aziende nostre associate che già operano in questo settore”.