Competenze digitali e ruolo dell’università: un approfondimento

21

competenze digitali

ROMA – Come cambia l’offerta didattica per far fronte alla sempre maggiore richiesta di competenze digitali preveniente dal mondo del lavoro, in che modo il nostro Paese sta integrando i piani di studio? A Digitale nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web promosso da Aidr, il professor Mario Vento, Prorettore dell’Università di Salerno e l’ingegner Gianfranco Ossino, Socio Aidr e membro del team di formatori del progetto Re-Educo. Transizione digitale, soft skills, formazione di figure specialistiche e progetti di formazione; questi i temi trattati con il contributo dei due ospiti.

“L’università – ha sottolineato nel corso del suo intervento il prorettore Mario Vento – ha un ruolo essenziale nel processo di transizione digitale. Oltre a puntare sulla formazione di figure specialistiche, gli atenei hanno il compito di contribuire alla diffusione delle competenze digitali. “In direzione di una sempre maggiore diffusione delle competenze digitali, si inserisce il progetto della Commissione Europea Re-Educo, di cui Aidr è stata partner- ha sottolineato nel corso del suo intervento Gianfranco Ossino. Nel nostro Paese sono stati oltre seicento gli studenti ad aver aderito. Attraverso un approccio innovativo allo studio, gli studenti – ha concluso Ossino hanno appreso le competenze digitali di base essenziali nel proseguimento del corso di studi e propedeutiche per l’inserimento nel mondo del lavoro”.