Comportamenti antisportivi in trasferta, ma la Al Discount Dynamic Venafro lotta per uno sport leale

SPORT – La Al Discount Dynamic Venafro torna con un referto giallo dalla trasferta di Empoli. Una sconfitta maturata soprattutto nel terzo quarto, quando i toscani hanno teso l’elastico a loro favore.
Venafro calca il parquet toscano in formazione base con gli under Bandera, Cancelli e Montanaro a completare il roster che comprende Minchella, Ferrara, Tamburrini, Chiari, Fossati, Guadagnola e Brusello.

Serie B Basket Venafro

Partono fortissimi i padroni di casa della Computer Gross USE Empoli. Venafro resta in scia cercando di alzare la difesa e lottando sotto canestro con Guadagnola e Chiari a tentar di bloccare ora Bei ora Samoggia, ma con scarsi risultati. Primo quarto che vede le due compagini distanziate di 7 lunghezze. La situazione migliora nel secondo quarto. I viaggianti riducono il gap che li separa arrivando al meno 2, ma la forte vena realizzativa dall’arco dei toscani ricaccia dietro Minchella e soci, che vanno al riposo lungo con un distacco di 8 lunghezze, ma con la partita ancor tutta da giocare.

Al rientro dagli spogliatoi, come al solito, i locali piazzano il break decisivo, complice anche qualche  scelta arbitrale che tende ad innervosire gli animi. Resta il fatto che con un parziale di 25 a 16 i padroni di casa prendono il largo. Nell’ultimo periodo la fanno da padrona i vari cambi che i due coach effettuano con l’ingresso in campo di tutti gli under a propria disposizione.

Bellissima l’immagine degli ultimi minuti dell’incontro, quando la Al Discount Dynamic Venafro schiera sul parquet Minchella, Brusello, Cancelli, Montanaro e Bandera. Tutti, ma proprio tutti, venafrani. Un grandissimo risultato, frutto di 40 anni di storia. Cinque venafrani in campo in un campionato di Serie B con la maglia della propria città.

Termina 82 63. Restano solo da segnalare due brutti episodi che non dovrebbero esser visti in queste partite. Entrambi verificatisi nel terzo quarto. Ferrara riceve una gomitata e cade sbattendo la testa per terra e con la mandibola che gli fuoriesce dalla sede naturale. Alla richiesta di un dottore e di ghiaccio, Coach Mascio e un dirigente accompagnatore vengono pesantemente offesi con epiteti impronunciabili. Placati gli animi, Guadagnola tende la mano a Coach Bassi che però la rifiuta platealmente.

Pessimo esempio di sportività da non far vedere assolutamente a tutto il movimento giovanile del basket in generale ma soprattutto empolese. Brutti episodi quindi in questa ultima trasferta di questo campionato.
A Napoli non si giocherà e quindi ai molisani restano solo due partite in casa prima dei playout. Si comincia domenica prossima quando al Pedemontana sarà di scena Scafati dell’ex Ernesto Carrichiello.
Appuntamento alle 18:00 di Domenica 10 Aprile.

 

COMPUTER GROSS USE EMPOLI –
AL DISCOUNT DYNAMIC VENAFRO
82-63
(22-15, 38-30; 63-46)

EMPOLI: Mariotti 10, Ghizzani 6, Mascagni 17, Berni 4, Bei 6; Sesoldi 7, Scali 14, Samoggia 15, Balducci, Pinzani 3. All.: Bassi.

VENAFRO: Ferrara 5, Guadagnola 19, Minchella 6, Fossati 8, Chiari 8; Tamburrini 11, Brusello 2, Montanaro 2, Cancelli 2, Bandera. All.: Mascio.

ARBITRI: Cirinei ed Orlandini (Livorno).

NOTE: uscito per cinque falli Bei (Empoli). Fallo tecnico a Guadagnola (Venafro). Fallo antisportivo a Mariotti (Empoli). Progressione punteggio: 10-5 (5’), 28-25 (15’), 49-36 (25’), 77-52 (25’)