“Confcooperative, l’unione che rafforza tutti”, al via la nuova campagna

11

campagna confcoperative

REGIONE – Confcooperative lancia la nuova campagna di comunicazione sull’importanza dell’unione e della collaborazione e offre uno sguardo nuovo sul lavoro delle cooperative. I protagonisti degli spot sono due telecronisti che raccontano il mondo della cooperazione attraverso il linguaggio sportivo che rende la narrazione avvincente e facilmente comprensibile. “Confcooperative, l’unione che rafforza tutti” è il pay-off della campagna che vuole parlare ai giovani attraverso i social network.

Un linguaggio semplice, ma efficace che accomuna i tre video spot, tre storie che insistono su un concetto fondamentale: il lavoro delle cooperative è a favore delle comunità e del territorio ed è presente in ogni ambito della nostra vita quotidiana.

«Sulle nostre tavole 1 prodotto su 4 arriva dalle cooperative, che rappresentano 1 sportello bancario su 5, 1 supermercato su 3 ed erogano servizi di welfare a 7 milioni di italiani. Le cooperative producono 7 bicchieri di latte su 10 e 6 bicchieri di vino su 10» spiega il presidente di Confcooperative Maurizio Gardini.

«Questo per dare alcune cifre su un sistema di imprese che vale l’8% del PIL e dà lavoro in Italia a 1,3 milioni di persone senza delocalizzare, ma rimanendo sul territorio dove generano reddito e occupazione e rispondono ai bisogni delle comunità. In Europa – aggiunge Gardini – gli occupati delle 147.000 cooperative sono 4,8 milioni. La cooperazione italiana con i suoi indicatori economici rappresenta una protagonista dell’economia sociale e civile in Europa».

“Il lancio della campagna nazionale di comunicazione coincide con l’apertura della stagione assembleare nella nostra Regione, che culminerà in un grande evento che si terrà il 17 febbraio presso il Teatro del Loto a Ferrazzano” ha dichiarato il Presidente di Confcooperative Molise, Riccardo Terriaca “Sarà l’occasione per un confronto del mondo della cooperazione con tutti i principali attori della vita economica e politica regionale. Cercheremo, anche con l’ausilio del nostro Presidente Maurizio Gardini che presenzierà all’evento, di riposizionare al centro del modello di sviluppo i concetti dell’economia civile che, dal nostro punto di vista, tracciano la rotta da seguire per difendere l’autonomia e l’identità regionale, contrastare lo spopolamento delle aree interne e disegnare una rete di servizi primari in grado soddisfare i bisogni reali dei molisani”.