Covid-19, settore wedding ed eventi in Molise, Natale fa il punto

63

Confindustria Molise logo

REGIONE – “Siamo stati i primi ad essere fermati e saremo gli ultimi a ripartire”. Queste le parole di Mauro Natale, Vicepresidente di Confindustria Molise e Consigliere nazionale di Assoeventi, preoccupato dalla crisi del settore wedding ed eventi conseguente alla pandemia di Covid 19. “Si parla del 100% dei rinvii per l’anno in corso, con una perdita stimata del business nel settore di circa 26 miliardi di euro. Ma ciò che destabilizza di più – aggiunge il vicepresidente Natale – è l’incertezza del futuro e dei comportamenti da tenere in termini di sicurezza, perché gli eventi prevedono assembramenti. Riuscite a immaginare un matrimonio con le mascherine, senza abbracci, senza ballare, insomma con le distanze sociali previste, in attesa del vaccino?

Siamo fermi e insieme a noi proprietari di strutture ricettive è ferma tutta la filiera degli eventi, imprese e professionisti del settore: wedding planner, moda sposa e abiti da cerimonia, viaggi di nozze, fotografi, operatori video, fioristi, musicisti, ristoratori, negozi di bomboniere eccetera. Possibile che con un settore così vitale per l’economia finora non sono stati fatti provvedimenti da parte del governo? Siamo consapevoli che nulla sarà più come prima, ma abbiamo bisogno di direttive precise per regolamentare la nuova “stagione” degli eventi che probabilmente inizierà nella “fase 3”.

Da parte del Presidente di Assoeventi Michele Boccardi c’è una precisa richiesta al Governo: finanziamenti a fondo perduto, a valere sul PON 2014-2020, per le  imprese turistiche (trasversalmente intese come all’articolo 61 del Decreto Cura Italia) che abbiano registrato una riduzione di fatturato nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2020 superiore al 50% rispetto a quello registrato nello stesso periodo del 2019. Si tratta di una richiesta già inviata al Governo, con una nota firmata da Assoeventi e Federturismo.

Perdite pesanti anche sul fronte viaggi e vacanze. Il Presidente della sezione Turismo di Confindustria Molise Rino Morelli commenta: “Abbiamo gli alberghi fermi praticamente da febbraio. Sono saltate le vacanze pasquali, i ponti del 25 aprile e del primo maggio, sono state azzerate le prenotazioni per viaggi di lavoro, annullate le gite scolastiche e le vacanze studio all’estero. Oggi abbiamo tutto il settore in ginocchio, dagli alberghi ai tour operator. Ricordo che il turismo italiano genera il 12% del pil nazionale, pari a 146 miliardi di euro. L’estate è alle porte e vogliamo scongiurare che la stagione sia interamente compromessa. Ormai sappiamo di non poter contare sugli arrivi stranieri, ma siamo in attesa di conoscere se si potrà viaggiare e fare le vacanze nel nostro Paese. Sarà un’estate diversa e molto complicata, ma mi auguro che sarà possibile realizzare almeno un “turismo di prossimità”, ossia fare le vacanze nelle mete vicine, che poi è un “turismo sostenibile” di cui si parla già da tempo. Spero in “un’estate italiana” fatta di mare, montagna, colline, cultura, gastronomia, piccoli borghi. Del resto, siamo il Paese che i cittadini di tutto il mondo vogliono visitare più di tutti gli altri. Per un settore di tale importanza – aggiunge Morelli – è decisivo prevedere degli interventi straordinari in aggiunta a quelli finanziari già decisi per tutte le categorie: noi riteniamo necessari intervenire con contributi a fondo perduto destinati alla ripresa delle nostre attività, oltre alla possibilità di rateizzare i pagamenti di tasse, imposte e contributi con i tempi e le modalità che sono stati applicati in occasione degli eventi calamitosi come quello di San Giuliano. Se così non fosse, andremo incontro a un tracollo totale del settore turistico sul quale – lo sottolineo – la Regione Molise, attraverso l’assessore Cotugno, ha tanto investito con eventi, piani strategici e quant’altro nell’ultimo anno. Ecco perché oggi a noi imprenditori l’assenza di interventi ad hoc sul settore turistico sbalordisce ancora di più”.

Sul tema, poi, delle riaperture Mauro Natale ha proseguito: “Oggi il Governo centrale da un lato e le Regioni dall’altro parlano di riaperture, ma con posizioni diverse. Riteniamo che ciò crei confusione e nella situazione straordinaria in cui ci troviamo non è nè auspicabile nè opportuno. Al contrario, alla luce delle esperienze maturate in questi mesi, pensiamo che le riaperture debbano essere gestite e coordinate dal Governo centrale.  Aggiungo, poi, che così com’è stato dimostrato per il sistema sanitario, anche per il settore “Turismo ed eventi” la competenza non può essere più regionale perché si tratta di comparti – sanità e turismo – fondamentali per i cittadini e strategici per la ripresa del Paese”.

Su questo tema, infine, Morelli ha tenuto a precisare: “Le competenze su queste materie, ma più in generale su quelle devolute alle regioni con la disastrosa riforma del titolo V, devono tornare al governo nazionale, per consentire ora una ripresa omogenea in tutte le regioni d’Italia e nel prossimo futuro uno sviluppo più equilibrato e giusto del Paese. Quanto alle ripartenze, se queste dovessero essere scaglionate per regioni, non è accettabile che il Molise non parta prima delle altre. Sarebbe fuor di logica e offensivo per i comportamenti virtuosi avuti in questi territori da medici, operatori sanitari, cittadini, lavoratori e imprenditori”.