Giornata dell’Acqua 2022: l’impegno del Comune di Campobasso per la valorizzazione

31

acqua mare

CAMPOBASSO – Anche quest’anno il Comune di Campobasso, il 22 marzo, celebra il #WorldWaterDay2022, la giornata mondiale istituita dalle Nazioni Unite mirata a sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica di tutto il mondo sull’importanza della riduzione degli sprechi idrici e della necessità di adottare stili di vita e comportamenti volti a contrastare il cambiamento climatico prima che sia troppo tardi.

L’accesso all’acqua potabile è un dono di natura dal valore inestimabile che va adeguatamente valorizzato ma anche razionalizzato e salvaguardato; ancora oggi, infatti, oltre due miliardi di persone sulla terra non possono godere di tale accesso e ciò deve spingere tutti a riflettere sull’importanza del tema, ancor più in questi periodi di grande instabilità sociale, economica, politica.

“L’Amministrazione comunale di Campobasso, – ha detto l’assessore all’Ambiente Simone Cretella – impegnata nel costante percorso di valorizzazione dell’acqua pubblica, rende noti anche quest’anno i risultati dei campionamenti e dei monitoraggi che ci restituiscono ancora una volta un giudizio eccellente: il nostro «oro blu» si conferma di ottima qualità, classificandosi nella categoria «oligominerale» o «leggermente mineralizzata» (valore residuo fisso a 180° sempre inferiore ai 500 mg/litro), povera di sodio e quindi assolutamente adatta all’uso potabile quotidiano. A garanzia dei consumatori, – ha aggiunto l’assessore – anche nel 2021, anno di riferimento delle analisi, sono state effettuate centinaia di analisi e controlli ispettivi dell’acquedotto, con esiti sempre in linea con i valori di legge, su tutte le sorgenti che alimentano la rete cittadina: Foce, Acquedotto Molisano Destro, Monteverde”.

Nello specifico, nel 2021sono state eseguite, a cura del Comune di Campobasso, 144 analisi di laboratorio, 96 controlli ispettivi dei manufatti dell’acquedotto e non sono stati rilevati casi di non conformità agli standard di qualità fissati dalle normative.

Il rapporto analitico, suddiviso anche per singole zone di approvvigionamento, è consultabile nell’apposita sezione del sito web del Comune di Campobasso.

“Scegliere quindi l’acqua del rubinetto – ha sottolineato l’assessore Cretella – resta una scelta che offre molteplici vantaggi: un’acqua di assoluta qualità, in tantissimi casi di gran lunga superiore alle più comuni acque imbottigliate, un’acqua a costo per litro praticamente «zero» (le acque imbottigliate costano mediamente il 6000% in più), ed un’acqua sostenibile per l’ambiente, che non produce emissioni e rifiuti; proprio l’uso smodato delle acque minerali è infatti tra le principali fonti di produzione di rifiuti: solo in Italia se ne producono e consumano circa 10 miliardi di bottiglie di plastica all’anno, con un derivante impatto ambientale incalcolabile.”

Ricordiamo che l’Acquedotto Comunale è costituito da 600 km di tubazioni, 2100 pozzetti, 29.000 punti di consegna all’utenza, 12 serbatoi, 2 sorgenti, un impianto di sollevamento, 18 stazioni di telecontrollo, 72 distretti con punti di misura delle portate di alimentazione.

Le 15 reti idriche dell’acquedotto servono un territorio di 56 chilometri quadrati e una popolazione di circa 50000 abitanti.

Il 97% dell’acqua distribuita proviene dall’Acquedotto Molisano Destro, sorgenti del Biferno.