“Gli hacker: dal cyberpunk all’Intelligenza Artificiale”, webinar di Poste Italiane mercoledì 12 giugno

14

CAMPOBASSO – Continuano anche in Molise i webinar di Poste Italiane sull’Educazione Digitale. Gli eventi sono completamente gratuiti e dedicati a favorire la consapevolezza e le conoscenze di tutti i cittadini su tematiche di grande attualità.
Mercoledì 12 giugno alle ore 17 si svolgerà la sessione dal titolo “Gli hacker: dal cyberpunk all’Intelligenza Artificiale” in cui Nicola Sotira, responsabile del CERT, il Centro per la cyber security in Poste Italiane, racconterà il mondo dell’hacking, dalla nascita del genere narrativo e del movimento cyberpunk e all’influenza sugli sviluppi software, fino alle moderne sfide poste dall’intelligenza artificiale.
Per partecipare al webinar è sufficiente collegarsi al link https://www.posteitaliane.it/it/educazione-digitale-evento-hacker-cyberpunk-ai.html e formulare le eventuale domande e osservazioni via chat al relatore.
Le origini del genere letterario cyberpunk possono essere rintracciate sin dagli anni ’60 negli Stati Uniti attraverso opere che si caratterizzano principalmente per la rielaborazione in modo fantastico e avveniristico delle conquiste scientifiche. Si narra di cyberspazio, mondi distopici governati da intelligenze artificiali e strumenti cibernetici e tra i più importanti e rappresentativi precursori figurano certamente J. C. Ballard e Philip K. Dick, che con il suo “Ma gli androidi sognano pecore elettriche?” ha ispirato il celeberrimo film cult Blade Runner. Tuttavia, il genere narrativo diventa molto popolare e si afferma come tale durante gli anni 80 sempre negli Stati Uniti e la definizione di questa particolare espressione letteraria e stata coniata da Bruce Bethke come titolo del suo racconto “Cyperpunk”, pubblicato nel 1983. Tra gli esponenti di spicco del filone cyberpunk degli anni 80 da citaree William Gibson e Neal Stephenson, che conia il termine Metaverso nel suo romanzo “Snow Crash”.
La letteratura cyberpunk ha ispirato e influenzato generazioni di appassionati di innovazioni tecnologiche, movimenti politico-culturali alternativi e gruppi più o meno organizzati di hacker che hanno sfidato il sistema rivendicando la libertà digitale ma anche protezione dei dati privati che riguardano i singoli cittadini.
Non è un caso che l’immaginario cyberpunk è quanto mai attuale poiché le innovazioni che vengono raccontate nei romanzi stanno entrando sempre di più a far parte della nostra realtà e l’intelligenza artificiale, le realtà virtuali le interfacce neurali non sono più una lontana fantasia cyber.
Il progetto di Educazione Digitale della Corporate University si propone di fornire agli utenti una panoramica tra le innovazioni tecnologiche e digitali, attraverso webinar gratuiti e contenuti multimediali sempre disponibili all’interno della sezione web al link https://www.posteitaliane.it/it/educazione-digitale.html, come podcast, giochi, infografiche e videopillole. Le attività possono essere seguite sui canali social LinkedIn, Facebook e Twitter di Poste Italiane attraverso l’hashtag #educazionedigitale e nella sezione storie di Instagram.
L’iniziativa si inserisce nel più ampio programma di Poste Italiane quale guida per i cittadini nello sviluppo di conoscenze e sempre maggiori competenze tra tecnologia e digitalizzazione in coerenza con la sua storica vocazione di azienda socialmente responsabile che aderisce ai principi internazionali ESG, promossi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.