Incontro dei sacerdoti di Abruzzo e Molise al Volto Santo di Manoppello

“Spirito e messaggio del Sinodo dedicato ai giovani” è il tema scelto per quest’anno. Appuntamento in programma martedì 30 ottobre

Mons. Bruno ForteMANOPPELLO – Martedì 30 ottobre alle ore 9.30 i sacerdoti delle diocesi di Abruzzo e Molise si incontreranno presso il santuario del Volto Santo a Manoppello per la giornata presbiterale regionale. La giornata, organizzata annualmente dalla Commissione Presbiterale Regionale guidata dal Vescovo di Termoli-Larino mons. De Luca, vede incontrarsi i sacerdoti delle undici diocesi che compongono la regione ecclesiastica, per riflettere su di un tema legato alla vita della Chiesa.

Il tema scelto per quest’anno è “Spirito e messaggio del Sinodo dedicato ai giovani”.

L’incontro, infatti, si colloca a due giorni dalla chiusura del Sinodo dei Vescovi che si stanno confrontando sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Scopo del Sinodo, come ha scritto lo stesso Papa Francesco ai giovani, è quello di ascoltare attentamente le istanze del mondo giovanile: “La Chiesa desidera mettersi in ascolto della vostra voce, della vostra sensibilità, della vostra fede; perfino dei vostri dubbi e delle vostre critiche. Fate sentire il vostro grido, lasciatelo risuonare nelle comunità e fatelo giungere ai pastori. San Benedetto raccomandava agli abati di consultare anche i giovani prima di ogni scelta importante, perché spesso è proprio al più giovane che il Signore rivela la soluzione migliore”.

Il relatore della giornata sarà il gesuita padre Giacomo Costa, segretario speciale del Sinodo dei giovani. Il gesuita genovese, dal 2010 è direttore responsabile della rivista Aggiornamenti Sociali e presidente della Fondazione Culturale San Fedele di Milano, istituzione impegnata dal dopoguerra nel dialogo con la cultura e la società, articolando fede e giustizia. Dalla sua nascita (2013) è anche vicepresidente della Fondazione Carlo Maria Martini.

I lavori saranno introdotti dal Presidente della Conferenza Episcopale Abruzzese- Molisana, mons. Bruno Forte, che è membro del Consiglio Ordinario del Sinodo e rappresentante delle Chiese d’Europa nella Commissione per la stesura del documento finale che sarà sottoposto al Papa.

“L’immagine di Chiesa che emerge dall’esperienza del Sinodo che si sta svolgendo in Vaticano, ricca della partecipazione di 270 vescovi di ogni parte del mondo, oltre a 50 giovani uditori e a molti esperti e consultori, – ha dichiarato recentemente l’Arcivescovo Forte – è quella di una comunità sinodale e fraterna, dove i giovani sono non solo oggetto preferenziale dell’attenzione generale, ma anche soggetti protagonisti dei processi decisionali. Prioritario è l’intento di ascoltare i giovani, accostandosi ai luoghi vitali dove essi agiscono e alle sfide con cui si confrontano. Fra le più rilevanti – ha detto ancora il presule – ci sono certamente quelle legate alle situazioni di emarginazione, che riguardano in particolare le donne, spesso ancora vittime di un maschilismo duro a morire, ma anche persone affette da dipendenze o segnate da sofferenze fisiche o spirituali, davanti alle quali i giovani spesso restano muti e sconcertati, quasi incapaci di reagire attivamente”.