Individuato l’aggressore del gay molisano a Pescara: è un 20enne

36

carabinieri notteCAMPOBASSO – Individuato l’uomo che ha aggredito un 25enne gay molisano sul lungomare di Pescara: è un 20enne. Da giorni si diceva che i carabinieri del capoluogo abruzzese fossero sulle tracce del responsabile del vile pestaggio, avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno vicino alla Nave di Cascella, e alla fine il cerchio si è stretto.

L’autore del vile gesto, che aveva portato alla rottura della mascella del giovane, è stato denunciato a piede libero per lesioni personali con l’aggravante comune dell’aver agito per motivi abbietti o futili. La vittima, che in quel momento stava passeggiando mano nella mano con il suo compagno, era stata colpita con violenti pugni al volto, riportando la frattura della mandibola.

I militari dell’Arma hanno ricostruito dettagliatamente la dinamica dell’assalto, esaminato i video delle telecamere presenti in zona e ascoltato alcuni testimoni, risalendo così al 20enne. I dettagli forniti dal ragazzo molisano e dal 22enne in sua compagnia sono stati fondamentali per gli inquirenti, che già 48 ore dopo l’accaduto avevano indirizzato le proprie indagini su un soggetto in particolare.

Lo sforzo investigativo, quindi, ha portato a un riconoscimento pieno dell’aggressore, confermato anche dai testimoni e dalle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza. Il 20enne non era solo in quel momento, ma in compagnia di altri suoi amici, tra cui una ragazza. Si intuisce, perciò, che le indagini sono tuttora in corso per arrivare alla completa identificazione degli altri che erano presenti sulla scena quella notte.