#iorestoinconvento, i frati cappuccini tornano all’eremo

105

ISERNIA – “Siamo tornati alla vita eremitica dei primi Frati Cappuccini, solo in seguito diventati frati del popolo anche a causa delle frequenti pestilenze”. Così il Guardiano del Convento dei Cappuccini di Isernia, Fratel Nazario Vasciarelli, descrive i giorni del Coronavirus che lui, anche parroco del Sacro Cuore, sta condividendo virtualmente con i fedeli partecipando alla campagna di sensibilizzazione per la quarantena. Nazario ha postato, sui social, una foto che lo ritrae con la mascherina e l’hashtag #iorestoinconvento.

Con lui ci sono altri 6 Frati. “Stiamo facendo vita contemplativa obbedendo alla Madre Chiesa e ai nostri governanti – racconta – Abbiamo intensificato i momenti di preghiera e condivisione, rispettando quanto prescritto per la sicurezza, della lettura e dello studio”.

Frate Nazario ricorda: “La chiesa è aperta per la preghiera personale, qualcuno ha anche bussato al convento per la confessione e noi, con mascherina e guanti, siamo scesi. Nessuno deve sentirsi solo e perdere la speranza”.