Isernia, omicidio all’ospedale di Venafro: confermate le indagini

carabinieri autoVENAFRO – Dovrà scontare 30 anni di carcere l’ex infermiera A. M., riconosciuta colpevole dell’omicidio di Celestino Valentino avvenuto nell’estate del 2016 presso l’ospedale Santissimo Rosario di Venafro.

Le indagini subito condotte dai Carabinieri della Compagnia di Venafro (IS) attraverso l’acquisizione di testimonianze e di filmati a circuito chiuso dell’esercizio commerciale ove l’ex infermiera si procurò l’acido cloridrico da somministrare alla vittima, hanno permesso di acclarare, senza ombra di dubbio, le responsabilità della donna, all’epoca 46enne, per omicidio pluriaggravato nei confronti dell’anziano 77enne già ricoverato presso il nosocomio del vanafrano.

La Procura della Repubblica di Isernia, sulla scorta delle risultanze investigative dei Carabinieri, nel corso dell’udienza odierna, ha chiesto per l’ex infermiera la condanna all’ergastolo. Il Tribunale di Isernia ha inflitto la pena di 30 anni di carcere, interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento di circa mezzo milione di euro in favore dei familiari della vittima.