Isernia, proroga chiusura al pubblico degli uffici provinciali fino al 13 aprile

49

Isernia sede Provincia

ISERNIA – É stato emesso decreto del presidente della Provincia di Isernia di proroga chiusura al pubblico degli uffici provinciali fino al 13 aprile 2020 e comunque fino a quando le disposizioni ministeriali non ne consentiranno la riapertura. Di seguito i dettagli.

IL PRESIDENTE

VISTI:

  • il Decreto Legge n. 6 del 23/02/2020 con il quale il Governo, in relazione all’attuale situazione di emergenza sanitaria internazionale, è intervenuto introducendo misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologia da COVID-19;
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1° marzo 2020, recante «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1° marzo 2020;
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, recante «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 55 del 4 marzo 2020;
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020, recante «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 59 dell’8 marzo 2020;
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020 recante «Nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale» che estende le misure contenute ne DPCM 8 marzo 2020 a tutto il territorio italiano fino al 3 aprile 2020;
  • e, da ultimo, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante «Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale» che estende l’efficacia delle disposizioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo 2020, nonché’ di quelle previste dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 e dall’ordinanza del 28 marzo 2020 adottata dal Ministro della salute di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ancora efficaci alla data del 3 aprile 2020 fino al 13 aprile 2020;

RITENUTO, in relazione all’evolversi della situazione epidemiologica, al carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e all’incremento dei casi sul territorio nazionale e provinciale, allo scopo di prevenire e contrastare l’ulteriore trasmissione del virus, adottare misure che possano limitare per quanto possibile i rischi per la salute dei lavoratori e dei cittadini;

RITENUTO di conseguenza prorogare la chiusura al pubblico degli uffici provinciali consentendo l’accesso esclusivamente a casi urgenti e improcrastinabili previo appuntamento telefonico con il funzionario responsabile;

ACQUISITO il parere in ordine alla regolarità tecnica del presente provvedimento espresso dal Responsabile del Settore Servizi di Staff ai sensi dell’art. 49 del TUEL, allegato;

Tutto ciò premesso e considerato

DECRETA

  • Che la Biblioteca Provinciale e il MUSEC resteranno chiusi fino al 13 aprile 2020 e comunque fino a quando le disposizioni ministeriali non ne consentiranno la riapertura.
  • Che a decorrere dalla data odierna e fino al 13 aprile 2020 è prorogata la chiusura al pubblico degli Uffici Provinciali ad eccezione che per il disbrigo di pratiche urgenti e improcrastinabili per le quali si dovrà concordare telefonicamente o a mezzo mail un appuntamento con il dipendente interessato.
  • Che per ì suddetti casi urgenti e improcrastinabili sono resi disponibili sul sito istituzionale dell’ente, i recapiti telefonici e gli indirizzi e-mail dei singoli uffici.
  • Con riferimento al servizio di protocollazione le modalità di invio della corrispondenza, sempre fino al 13 aprile 2020, saranno esclusivamente a mezzo pec, o a mezzo posta ordinaria.
  • Resta sospeso il servizio di protocollazione con consegna a mano e contestuale rilascio di ricevuta di protocollazione per gli utenti esterni salvo casi di comprovata urgenza da concordare telefonicamente con l’operatore del protocollo.
  • Che il presente decreto venga pubblicato all’Albo Pretorio on line, sul sito dell’ente e ne venga data massima diffusione tra la cittadinanza