Alla nuova stagione del Kilimangiaro il contributo di una delegazione altomolisana

mastronardi creta

Partirà domani uno dei programmi più longevi, conosciuti e seguiti dell’intero palinsesto Rai. Lo studio videofotografico “Le Iridi Digitali” di Agnone produrrà una serie di 8 documentari

AGNONE – Da quest’anno ci sarà anche un importante contributo del territorio molisano perché una delegazione altomolisana sarà parte attiva della squadra della trasmissione Kilimangiaro al via da domani ore 15:30. Lo studio videofotografico “Le Iridi Digitali” di Agnone, infatti, produrrà una serie di 8 documentari intitolata “A cavallo nel mondo” firmati da Nicola Mastronardi (giornalista, scrittore, autore televisivo). Le riprese della prima camera, i voli con il drone e il montaggio saranno affidati a Salvatore Cerimele (filmmaker, pilota di drone e montatore video) mentre la regia e le riprese della seconda camera saranno a carico di Danilo Di Nucci (fotografo e storyteller).

La prima puntata di questa nuova serie andrà in onda dopo circa un’ora dall’inizio della trasmissione, precisamente alle 16.20: seguendo un viaggio a cavallo di Mastronardi, Le Iridi Digitali porteranno gli spettatori nel cuore del Mediterraneo orientale alla scoperta del respiro del mare, della bellezza e del mito dell’isola di Creta. Le prossime puntate, invece, vedranno gli altomolisani impegnati sulle Highlands scozzesi, in Cappadocia e in Patagonia.

É evidente che l’esperienza fatta dai tre professionisti nella realizzazione di “Cammini d’Italia”, (rubrica incentrata sul turismo attivo andata in onda nel 2017 durante i venerdì de “La Vita in Diretta Estate”) è stata molto apprezzata dalla tv nazionale al punto che il sodalizio televisivo tra Mastronardi e Le Iridi Digitali si è rinnovato nell’ambito del Kilimangiaro, quest’anno giunto alla ventesima edizione.

“É per noi tutti un motivo di grande orgoglio – conclude Di Nucci – il fatto che vivendo in Alto Molise, nostra terra natia – si possano raggiungere importanti risultati professionali. Speriamo che la nostra esperienza possa essere un esempio a non abbandonare i nostri territori e uno stimolo a crearsi una propria posizione lavorativa. Certo, il momento è difficile, ma piuttosto che resistere e basta bisogna avere l’obiettivo di crescere e valorizzare il posto in cui viviamo. Pur non essendo in tantissimi per fortuna non siamo gli unici ad avere una tale visione e ad aver fatto una scelta del genere: penso infatti ad una serie di nuovi professionisti che conosco personalmente e che negli ambiti lavorativi più disparati hanno fatto una scelta importante e coraggiosa come la nostra. Il mondo, come ha scritto Paulo Coelho, cambia con il tuo esempio, non con la tua opinione e l’Alto Molise, in questo delicato momento storico, ha bisogno di meno opinioni e più esempi”.

Nella foto allegata Mastronardi a cavallo sulla spiaggia di Malìa, inizio del viaggio a cavallo cretese