La Molisana Magnolia – Costa Masnaga 73-84: il racconto del match

15

anna togliani rilancia azione

Le emozioni di coach Sabatelli: «Le ragazze hanno dato tutto a loro va fatto unicamente un grandissimo complimento»

CAMPOBASSO – Il cuore oltre l’ostacolo, anche se non è bastato. Con quasi tutta la squadra alle prese con dei malanni influenzali successivi alla Final Eight di Coppa Italia (alla fine, poi, Nicolodi non è andata a referto, Lawrence e Togliani lo hanno fatto seppur febbricitanti sino al mattino e Trimboli, alle prese con una noia fisica, è stata risparmiata), La Molisana Magnolia ha cercato di creare difficoltà al Costa Masnaga, finendo però, nell’ultimo quarto, quando era arrivata a dar vita ad una clamorosa rimonta, a non trovare l’abbrivio per quello che sarebbe stato un referto rosa da pressoché matematico sesto posto in classifica.

AVVIO HORRIBILIS – Nonostante il primo canestro di serata sia di Lawrence, le rossoblù devono fare i conti con le scorribande di Matilde Villa e Spreafico, fautori di un 9-0 che manda in ambasce le rossoblù, che vedono aumentare il margine per le ospite (6-15) con un passivo che tocca la doppia cifra sul 12-22, inerzia su cui si poggia anche il punteggio del 10’ (21-31).

ALTI E BASSI – Le magnolie provano ad iniziare al meglio il secondo periodo, ma un ulteriore break di 10-0 fa fuggire le ospiti che arrivano sul 26-44 al maggior vantaggio di serata. Qui, però, le rossoblù, pian piano, provano a ricucire lo strappo e con le triple di Togliani e Chagas ed i canestri di Parks riescono a rientrare sotto la doppia cifra (37-44). Costa Masnaga prova a dare un ulteriore strappo, ma Quiñonez guida una nuova riscossa rossoblù sino ad un divario di tre possessi (43-52) che si palesa all’altezza dell’intervallo lungo.

PRIMO RIENTRO – Parks guida la prima riscossa rossoblù, poi Togliani e quindi Quiñonez portano all’impatto a 56, ma cinque punti di Spreafico siglano un nuovo break ospite (56-61), che il duo americano delle campobassane (Gray e Parks) ricuce con, al 30’, il punteggio del tabellone luminoso che recita 63-67.

FINALE INFELICE – Costa Masnaga tiene l’inerzia durante il quarto periodo. Gray riporta le sue a -2 (71-73), ma qui un parziale di 11-0 delle ospiti chiude la contesa con il canestro di Quiñonez che fa calare il sipario sulla contesa.

«Dispiace perché il risultato è bugiardo – sentenzia il trainer dei #fioridacciaio – perché nei primi due quarti non abbiamo difeso come dobbiamo fare, tant’è che hanno realizzato 52 punti. Nel terzo e quarto periodo siamo entrati con un altro piglio, tenendo un altro atteggiamento in entrambe le metà campo e siamo arrivati così al punto a punto, anche se lì le rotazioni ridotte ci hanno tagliato le gambe».

«Voglio fare i miei complimenti ad Anna ed Alyssa (Togliani e Lawrence, ndr) – prosegue – che oggi uscivano dai problemi influenzali e alle nostre giovani che hanno dato un grande contributo, ma in generale va fatto un complimento a questo splendido gruppo che anche stavolta in un momento di grande difficoltà non ha mollato, lottando sino alla fine».

SESTO CON SESTO? – Per le magnolie, ora, la possibilità di chiudere la regular season al sesto posto passa – necessariamente – dal confronto di sabato, sempre tra le mura amiche dell’Arena, contro il Sesto San Giovanni con palla a due programmata in serata alle ore 20.30.

TABELLINO

LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO – LIMONTA BASKET COSTA COSTA MASNAGA 73-84 (21-31, 43-52; 63-67)

CAMPOBASSO: Amatori 2 (0/1, 0/1), Chagas 11 (1/4, 3/8), Parks 19 (7/15, 0/6), Lawence 2 (1/3), Gray 16 (6/14, 1/2); Togliani 10 (2/4, 2/6), Quiñonez 13 (5/7, 1/3), Egwoh, Del Sole, Trozzola. Ne: Trimboli e Vitali. All.: Sabatelli.

COSTA MASNAGA: Villa M. 22 (8/12, 1/6), Allievi 6 (2/5), Spreafico 25 (2/3, 4/8), Jablonowski 8 (4/6, 0/2), Vaughn 6 (3/8); Burkholder 10 (1/2, 2/2), Caloro 5 (0/2, 1/1), Villa E. 2 (1/1), Osazuwa (0/1), Balossi. All.: Seletti.

ARBITRI: Salustri (Roma), Beneduce (Caserta) e Pellegrini (Forlì Cesena).

NOTE: fallo antisportivo a Caloro (Costa Masnaga) Tiri liberi: Campobasso 8/10; Costa Masnaga 18/20. Rimbalzi: Campobasso 37 (Gray 14); Costa Masnaga 40 (Vaughn e Burkholder 9). Assist: Campobasso 17 (Chagas 5); Costa Masnaga 14 (Villa M. 5). Progressione punteggio: 6-15 (5’), 29-44 (15’), 52-56 (25’), 69-73 (35’). Massimo vantaggio: Campobasso 2 (2-0); Costa Masnaga 18 (26-44).