La Molisana Molise – Moncalieri, la presentazione della partita

39

florencia chagas in entrata

Rossoblù all’Arena per sfidare le piemontesi, Il tecnico dei fioridacciaio Mimmo Sabatelli indica la via alle sue: «Determinante la gestione del ritmo»

CAMPOBASO – Una sfida che rappresenterà a tutti gli effetti il prologo di una chiusura di regular season particolarmente intensa (tra il 19 marzo ed il 6 aprile le rossoblù avranno ben cinque gare con da definire ancora il recupero sul parquet della Reyer Venezia e nel mezzo anche l’appuntamento con la Final Eight di Coppa Italia a San Martino di Lupari). La Molisana Magnolia Campobasso è pronta ad affrontare l’ultima contesa domenicale della prima fase di questa stagione, potendo contare sull’apporto del pubblico amico dell’Arena nella sfida al Moncalieri, formazione che, nella storia rossoblù, riporta alla mente – a livello di confronti ufficiali – oltre al confronto dell’andata, anche il match dei quarti di finale nella Final Eight di Coppa Italia ospitata in regione nello scenario del PalaVazzieri.

SPRINT DECISIVO – Per la sfida alle lunette (così sono conosciute nell’ambiente le giocatrici piemontesi) il coach dei #fioridacciaio Mimmo Sabatelli è consapevole di proiettarsi in una volata che andrà a definire le posizioni per la seconda fase della stagione nella Techfind Serie A1.

«È una gara intricata – spiega il trainer delle magnolie – come tutti i match del massimo torneo in rosa. La classifica di questo campionato, complici i diversi recuperi ancora da svolgere, non ha ancora assunto una conformazione definita, ma, ora come ora, i nostri pensieri devono convergere esclusivamente sul Moncalieri, che qui in Molise dovrebbe far esordire anche l’ultima arrivata, la belga, playmaker della propria nazionale, Vanloo, giocatrice di grandi capacità realizzative. Da parte nostra, peraltro, ci siamo allenati bene in settimana con la voglia di affrontare al meglio un simile incrocio».

FIENO IN CASCINA – La gara contro Moncalieri – aggiunge l’allenatore delle campobassane – «sarà utile a mettere fieno in cascina in prospettiva per quelle che saranno poi le gare in successione da cui saremo attesi».

Proprio per questo, il gruppo rossoblù ha lavorato con costanza «recuperando anche Reshanda Gray da qualche piccolo fastidio emerso a Schio (la distorsione alla caviglia, ndr), anche se, nelle ultime ore, abbiamo dovuto far fronte a qualche noia fisica di Chagas, che ha lavorato a parte, ma dovrebbe essere anche lei della contesa».

QUADRO MUTATO – Rispetto al match dell’andata (era il 12 dicembre), il team piemontese, con l’innesto di Vanloo, assumerà una dimensione differente all’insegna di una maggiore pericolosità offensiva, a differenza del brio più sudamericano conferito dalla brasiliana da Paixão.

«Non va dimenticato tra l’altro che, seppur senza tutte le proprie effettive, hanno rischiato di fare il colpaccio a Faenza, motivo in più per trovarci di fronte ad una vera e propria battaglia sul parquet».

GIOCO PARTICOLARE – Del resto, il team affidato alle cure tecniche di Terzolo, è «squadra dal gioco particolare all’insegna delle doti fisiche, motivo per cui sarà prioritaria un’attenzione massima e la più ampia accortezza a livello di gestione dei ritmi».

PIANO PARTITA – In effetti, quest’ultimo aspetto rappresenterà una chiave di volta nel piano partita elaborato per la circostanza.

«Non dovremo farci prendere dalla frenesia – chiosa coach Sabatelli – perché per noi significherebbe commettere l’errore più grande. Dovremo, invece, far emergere le nostre caratteristiche, soprattutto a livello offensivo, con la ricerca dell’area, mentre per quanto riguarda la difesa dovremo dar vita ad una prova come quella del secondo tempo a Sesto San Giovanni, perché quando riusciamo ad essere efficaci nella protezione del nostro canestro sappiamo come riversare questo tipo di lavoro a livello di energia in attacco».

Una gara – quella in terra lombarda – che aveva consentito alle rossoblù di migliorare la performance della prima stagione nella massima serie nazionale in rosa (diciotto lunghezze per nove successi) andando in doppia cifra per questa voce, arrivando a quota dieci affermazioni con venti punti all’attivo.

REGOLE D’INGAGGIO – La sfida tra i #fioridacciaio e le lunette andrà in onda in diretta esclusiva su Lbftv, la piattaforma pay in streaming coordinata dalla Lega Basket Femminile, domenica 13 marzo con palla a due alle ore 18 nello scenario dell’Arena. A coordinare le operazioni una terna arbitrale mista composta dal capitolino Alex D’Amato, dal ravennate Fabio Bonotto e dalla meneghina Cristina Mignogna.

DATE IN AGENDA – Dopo Moncalieri, le rossoblù sabato 19 saranno a Faenza (palla a due alle ore 20.30) per poi affrontare il 23 (ore 19) la trasferta di Empoli, due giorni prima dell’esordio nella Final Eight di Coppa Italia ai quarti contro la Virtus Bologna. Poi il 26 ci sarà il match (ore 16) all’Arena con Costa Masnaga e, nello stesso scenario, il 2 aprile alle 20.30 il match con Sesto San Giovanni prima della chiusura di regular season quattro giorni dopo allo stesso orario a San Martino di Lupari.

Intanto, peraltro, da patte della federazione sono state anche ufficializzate le date legate alla formula dei playoff con quarti su andata e ritorno in programma il 12 e il 15 aprile, le semifinale in una serie sulle tre gare con date quelle del 18, del 21 e del 24 aprile e poi una finale sulle cinque gare con confronti il 28 e 30 aprile e ancora il 3, il 5 e l’8 maggio.