La Nuova Orchestra da camera “Busoni” in concerto a Campobasso

45

Sabato 29 ottobre alle 18:30 all’Auditorium Palazzo Gil l’orchestra sarà diretta da Massimo Belli con il violinista Giuseppe Gibboni

giuseppe gibboniCAMPOBASSO – La Nuova Orchestra da camera “Ferruccio Busoni”, diretta da Massimo Belli con il violinista Giuseppe Gibboni si esibirà domani, sabato 29 ottobre alle ore 18,30 all’Auditorium Palazzo Gil di Campobasso, per il quarto appuntamento della stagione concertistica dell’Associazione Amici della Musica. Nel concerto, che rientra nel cartellone Le Orchestre Italiane, verranno eseguiti brani di Kalinnikov, Wieniawski, Paganini e Grieg.

La Nuova Orchestra da camera “Ferruccio Busoni”, complesso storico fondato nel 1965 da Aldo Belli, è una delle prime orchestre da camera sorte in Italia nel dopoguerra e la più antica della regione Friuli Venezia Giulia. E’ un “organismo di interesse regionale e per il 50° anniversario la Regione Friuli Venezia Giulia ha pubblicato il volume sull’orchestra Busoni, intitolato “Oggi come mezzo secolo fa” relativo alla promozione dell’immagine della Regione a livello internazionale. Oltre che dalla Regione FVG. L’orchestra nel 2021 è stata insignita dal Comune di Trieste del Sigillo Trecentesco in occasione del 55° anniversario di attività artistica. E’ formata da affermati strumentisti, vincitori di concorsi internazionali, che tramandano la civiltà musicale del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano di cui sono stati allievi. Il concerto celebrativo per il 50° anniversario, ha avuto come ospite il violinista Domenico Nordio e, registrato dal vivo, è stato pubblicato dalla rivista Amadeus. L’orchestra si è posta all’attenzione del pubblico e della critica tenendo centinaia di concerti all’estero. Ha registrato 24 CD per case discografiche come Velut Luna, Concerto Classics, Brilliant Classics, Warner Classics, Movimento Classical, Bongiovanni, Suonare News e Amadeus presentando brani in prima registrazione mondiale di importanti compositori come Andrea Luchesi, Giuseppe Tartini, Giulio Meneghini, Alessandro Rolla e altri che hanno avuto prestigiosi riconoscimenti dalle più importanti riviste del settore.

Massimo Belli Si è diplomato in violino a pieni voti e lode sotto la guida di Renato Zanettovich al Conservatorio di Venezia. Ha seguito i corsi di perfezionamento a Fiesole con il Trio di Trieste e Piero Farulli, e all’Accademia Chigiana di Siena con Henryk Szeryng. Allievo di Salvatore Accardo all’Accademia “W. Stauffer” di Cremona è stato premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Ha interpretato i principali concerti del repertorio violinistico accompagnato da importanti orchestre ed è stato primo violino di spalla dell’orchestra Giovanile Italiana, dell’Orchestra Busoni, della Haydn Philarmonia e primo violino e direttore dei Virtuosi dell’Ensemble di Venezia. Il compositore triestino Giulio Viozzi ha dedicato a Massimo Belli il brano “Tema variato” per violino solo edito da Pizzicato. Ha inciso per Sipario Dischi, Nuova Era e Tirreno Editoriale di Lugano. Attualmente incide per Concerto Classics, Brilliant Classics e Warner Classics. Ha studiato direzione d’orchestra con Aldo Belli e Julian Kovatchev ed è il direttore della Nuova orchestra da camera “Ferruccio Busoni”. Nel 2002, in occasione del 40° anniversario del concorso, ha diretto l’orchestra del 40° formata dai premiati alle passate edizioni del Concorso Nazionale di Violino Città di Vittorio Veneto. Recentemente ha diretto I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino e la Euro Sinfonietta Wien. In ottobre 2021 è stata effettuata l’incisione discografica per Brilliant Classics di musica di Viotti e Cherubini con il violinista Massimo Quarta. Nel 2022 effettuerà un concerto alla guida della North Czech Philharmonic orchestra alla Smetana Hall di Praga.

Giuseppe Gibboni, nato nel 2001, si diploma a 15 anni con 10 Lode e Menzione d’Onore presso il Conservatorio Martucci di Salerno sotto la guida di Maurizio Aiello. A soli 14 anni ha superato la selezione per l’ammissione all’Accademia Stauffer di Cremona nella classe di Salvatore Accardo. Ha ricevuto il Diploma d’Onore ai corsi di Alto Perfezionamento all’Accademia Chigiana, dal 2016 è stato ammesso al corso di Alto Perfezionamento presso l’Accademia Perosi di Biella con Borsa di Studio Triennale CRT nella classe di Pavel Berman. Ha seguito masterclass con Accardo, Berman, Tretyakov, De Angelis, Fiorini. Pluripremiato in concorsi nazionali ed internazionali classificandosi sempre al I° posto, tra cui Viotti 2014; C. Abbado Scuola Civica di Milano-2016; Premio Crescendo Agimus Firenze – 2016; XXIII Concorso Internazionale Violinistico A. Postacchini (con premio speciale per l’esecuzione dei capricci di Paganini ) 2016; International Competition L. Kogan 2017 – Bruxelles; International Music Competition Dinu Lipatti (premio speciale miglior violinista con assegnazione violino modello Stradivari “Il Cremonese” 1715 del liutaio M° Mester). Nel 2018 si è classificato 3° premio (con I° non assegnato) al prestigioso G. Enescu International Violin Competition di Bucarest. A marzo 2019 ha vinto il Concorso Internazionale “Progetto Guglielmo”. Si è esibito in qualità di solista in vari Teatri e sale prestigiose italiane e internazionali. Ha partecipato al programma di RAI 1 in collaborazione con UNICEF “Prodigi – La Musica è Vita“ vincendo il programma e divenendo il “Prodigio Italiano”. Nel 2017 ha ricevuto un riconoscimento della Camera dei Deputati dalle mani del Presidente Laura Boldrini nella Giornata nazionale della Musica ed il Premio Internazionale “Charlot” giovane promessa della musica. Ha inciso un CD con la casa discografica Warner Classics che porta il suo nome, accompagnato dalla Nuova Orchestra da Camera “F. Busoni”, diretta da M. Belli. A settembre 2017 ha effettuato un concerto presso l’Università Bocconi di Milano suonando sullo Stradivari della collezione LAM (ex Scotland 1734) per conto del Museo del Violino di Cremona. Si è esibito in concerto al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca a chiusura della mostra “Il Mito di Stradivari”. Dal 2017 è un artista della SI-YO Foundation di New York. E’ Socio onorario RotarAct. Vincitore del Concorso Internazionale Premio Paganini 2021.

PROGRAMMA

VASILIJ SERGEEVIČ KALINNIKOV

Serenade per archi

HENRYK WIENIAWSKI

Variazioni su un Tema originale op. 15 per violino e archi

NICCOLÒ PAGANINI

La Campanella per violino e orchestra

EDVARD GRIEG

Due Melodie Elegiache per archi op. 34 basate sui Lieder op. 33 nn. 3 e 2

EDVARD GRIEG

Fra Holbergs tid (Dai tempi di Holberg)

EDVARD GRIEG

Suite in stile antico op. 40