L’Orchestra Sinfonica Abruzzese al Teatro Savoia di Campobasso

108

CAMPOBASSO – Un dicembre molto intenso si preannuncia per l’Istituzione Sinfonica Abruzzese. Si apre con una produzione di grande impatto: un programma tutto Brahms, con le ultime due partiture del compositore tedesco: la Quarta Sinfonia e il Doppio Concerto per violino, violoncello e orchestra. Solisti due fuoriclasse assoluti: il violoncellista Umberto Clerici (foto) e la violinista inglese Chloe Hanslip. Sul podio dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese il direttore principale, il Maestro Ulrich Windfhur.

La produzione viene portata in quattro città, tra cui Campobasso, dove andrà in scena al Teatro Savoia domenica 10 dicembre alle ore 17,30.

“Siamo particolarmente felici di questo tour della nostra Orchestra, che nella collaborazione con la Società Luigi Barbara di Pescara diretta da Lucio Fumo trova in Regione un partner di assoluto rilievo e nella data di Roma la conferma che il ruolo della Sinfonica Abruzzese si consolida anche fuori della Regione Abruzzo”, dichiara il direttore artistico Luisa Prayer.

Un tour impegnativo con un programma che esprime al meglio la nuova vocazione della Sinfonica Abruzzese, sempre più proiettata su repertori di ampio respiro, anche grazie alla guida del M° Windfuhr che in circa un anno e mezzo di collaborazione con l’OSA ha portato l’orchestra ad alti livelli musicali e a collaborare con prestigiosi solisti.

Chloe Hanslip a trent’anni è una delle più affermate violiniste della grande scuola britannica: ha esordito a 15 anni con la BBC Symphony Orchestra ai famosi Proms di Londra e da allora è stata ospite delle più grandi orchestr inglesi, europee e statunitensi, esibendosi nelle più prestigiose do Londra, Parigi, Monaco, Vienna così come nelle grandi sale di New York, Tokio e Seul, sotto la guida di direttori come Jeffrey Tate, Mariss Jansons, Charles Dutoit, Vladimir Jurowski, Neville Marriner.

Umberto Clerici, lanciato da un concorso indetto dalle ICO italiane di cui è spesso ospite, dopo essere stato primo violoncello del Regio di Torino, è oggi primo violoncello dell’Opera di Sidney e titolare della cattedra di violoncello dell’Università della stessa città. Unico italiano, con Mario Brunello di cui è stato allievo, a essere premiato al Tchaikowski di Mosca, Clerici ha al suo attivo un’intensa vita artistica tra Europa, Stati Uniti, Australia, Estremo Oriente e ha suonato al Carnegie Hall di New York, al Musikverein di Vienna, alla Grande sala Shostakovic di S. Pietroburgo.

Due monumenti del sinfonismo romantico i due brani in programma: opera della maturità artistica di Brahms, la Quarta Sinfonia op. 98 (1876) e il Doppio Concerto op. 102 (1885) sono tra le più belle e appassionate espressioni dell’arte romantica europea, che riconobbe alla Musica il rango di arte prediletta, e diede all’orchestra una nuova grande dimensione protagonistica.