Medici in campo, prestazioni gratuite il 10 aprile: screening a Campobasso per celebrare la ‘Giornata mondiale della Salute’

39

CAMPOBASSO – ‘Le Giornate della Salute globale’: è il tema della due giorni organizzata dalla Commissione Salute globale e Giovani medici dell’Ordine provinciale di Campobasso il 9 e 10 aprile in occasione della ‘Giornata mondiale della Salute’ che si celebra il 7 aprile. Il 9aprile sarà dedicato al confronto nella professione con una tavola rotonda nella sede dell’Ordine.

Un focus sullo stato della salute globale in pandemia da Sars-Cov-2 con l’apporto di medici dell’Unimol e Asrem. Domenica 10 aprile sarà dedicata al territorio con una serie di prestazioni gratuite per i cittadini: screening della glicemia, misurazione della pressione, consulenze specialistiche di medicina generale, pediatria, odontoiatria, nutrizione e psichiatria. L’appuntamento in piazza Municipio, dalle 9 alle 13, con il patrocinio del Comune e in collaborazione con Avis, Admo, Cri e Aido.

“La salute globale è un diritto umano fondamentale – spiega Laura Di Florio, consigliera dell’Ordine professionale di Campobasso e referente della Commissione Salute globale – e l’organizzazione di queste due giornate nasce proprio dall’esigenza di garantire visite specialistiche ed esami di screening a chi non ha potuto eseguirli nel periodo pandemico per il mancato accesso agli ambulatori o per problematiche economiche o sociali. Dall’inizio della pandemia ad oggi – aggiunge – è stata infatti rilevata un’importante contrazione di nuove diagnosi e trattamenti che si aggiunge alle conseguenze fisiche provocate dalla malattia stessa e quindi agli effetti diretti dell’infezione daSars-CoV-2. Vanno inoltre considerate le conseguenze della quarantena sul benessere psicofisico generale che sono state notevoli, determinando i cosiddetti effetti indiretti dell’infezione sulla popolazione generale, adulti e bambini. La pandemia – conclude – ha inciso pesantemente sulla crescita complessiva della popolazione pediatrica, determinando alterazioni significative delle abitudini alimentari, dell’attività fisica, del tempo trascorso davanti ai dispositivi telematici e alterazioni del sonno, con conseguenze fisiche e psicologiche di grande rilievo”.