Monte Capraro, a che punto siamo? Le precisazioni del sindaco Paglione

9

CAPRACOTTA – “A distanza di circa 25 anni dalla sua inaugurazione si è reso necessario eseguire alcuni interventi di manutenzione straordinaria, sia sulla seggiovia che sulla sciovia; i lavori sono iniziati poco più di due anni fa, per l’esattezza nell’autunno 2020. Fino ad allora, a Monte Capraro erano stati effettuati soltanto gli interventi di manutenzione ordinaria previsti per gli impianti di risalita dalla normativa vigente. Grazie ad un finanziamento regionale è stato possibile effettuare un importante intervento per la messa in sicurezza della seggiovia “Sotto al Monte-Monte Civetta” e della parte meccanica di tutta la linea funiviaria oltre alla sciovia della “Piana del Monte” con la revisione generale e la sostituzione del motore. Tutti i lavori eseguiti e il relativo collaudo, effettuato da parte dell’autorità di controllo incaricata dal Ministero dei Trasporti, competente in materia di impianti a fune, sono stati completati nel mese di gennaio del 2021”.

Lo precisa il sindaco di Capracotta, Candido Paglione, facendo il punto della situazione sull’impianto sciistico di Monte Capraro. “La pandemia da Covid-19, purtroppo – com’è noto – ha impedito, all’epoca, la riapertura delle stazioni sciistiche in tutta Italia e, quindi, anche della stazione di Monte Capraro. Successivamente, esattamente il 23 maggio del 2021, ci fu la tragedia della funivia del monte Mottarone, a seguito della quale sono state aumentate le misure di sicurezza previste per tutti gli impianti funiviari. Infatti, la linea elettrica che fino a pochi mesi prima era in condizioni di poter superare anche la revisione quinquennale della seggiovia, prevista per il mese di gennaio del 2022, fu inserita tra gli interventi necessari per completare il lavoro di messa in sicurezza della stazione sciistica di Monte Capraro”, aggiunge il primo cittadino.

“Da allora e con la diligenza che caratterizza il nostro operato quotidiano, ci siamo adoperati presso la Giunta regionale per ottenere un ulteriore finanziamento che ci consentisse di eseguire anche questi interventi sulla linea elettrica della seggiovia, compreso la revisione quinquennale della stessa. Infatti, con delibera n. 334 del 6 ottobre 2022 la Giunta Regionale ha disposto un finanziamento ad hoc proprio per l’esecuzione degli interventi descritti. L’amministrazione comunale ha rispettato la tempistica imposta con l’esecuzione di tutti gli atti burocratici necessari fino all’espletamento delle gare d’appalto, completando tutto l’iter a tempo di record, entro il 31 dicembre 2022”.

Nei prossimi giorni, annuncia Paglione, “saranno consegnati i lavori alle ditte risultate aggiudicatarie e, successivamente, appena le condizioni meteo lo permetteranno, saranno eseguiti i lavori, compresa la revisione quinquennale della seggiovia. Intanto, avevamo provveduto a dare in comodato d’uso gli impianti di Monte Capraro alla società partecipata della Regione “Funivie Molise”, perché provvedesse alla gestione degli stessi. Contestualmente, avevamo chiesto al Presidente della Regione di inserire anche Monte Capraro nella gara d’appalto per la gestione delle stazioni sciistiche del Molise. La richiesta fu accolta e Funivie Molise espletò una gara d’appalto unica, sia per la gestione di Campitello Matese che per la gestione di Monte Capraro. La prima gara fu oggetto di un ricorso giurisdizionale e venne annullata”. La ripetizione della gara “ha assegnato, infine, la gestione delle due località sciistiche molisane ad altra società. Chiunque avesse dei dubbi può recarsi in Municipio e riceverà ogni ulteriore informazione necessaria a fugarli”.