Montenero di Bisaccia, ecco le nuove disposizioni in vigore

111

montenero di bisaccia

MONTENERO DI BISACCIA – “Voglio ricordare che da oggi sono in vigore le nuove disposizioni del Dpcm del 10 Aprile 2020 che stabiliscono, tra le altre cose, la proroga di alcuni divieti fino al 3 maggio prossimo”. Lo riferisce il sindaco di Montenero di Bisaccia, Nicola Travaglini che ha fatto il punto della situazione al 14 aprile:

“Invito quindi a leggere con attenzione questo Decreto, memorizzando soprattutto che “sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e, in ogni caso, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per le esigenze pocanzi dette; resta anche vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale comprese le seconde case utilizzate per vacanza”.

LINK: http://www.comune.montenerodibisaccia.cb.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1623?fbclid=IwAR1-iQMNxOVVhR9Tksc0KpkaPZIVhYHLSTgwYKIbdBHCG12ZorbuCOanxpY

Comunico che la nostra Polizia Municipale nella domenica di Pasqua, sia in mattinata che nel pomeriggio ha effettuato controlli su decine di auto con all’interno il solo conducente. Queste persone circolavano in paese per motivazioni (opportunamente verificate) assolutamente valide. Nella giornata di ieri, invece, il traffico è stato molto inferiore, ma sono state sanzionate tre persone perché trovate in giro senza alcuna motivazione valida.

Per quanto riguarda i cosiddetti “buoni spesa”, informo che questa mattina è scaduto il termine fissato dal Settore Affari Generali del Comune per la presentazione delle domande. Già la scorsa settimana, a seguito dei dovuti accertamenti, sono stati consegnati in via prioritaria alcuni buoni a famiglie assolutamente prive di reddito. Nella mattinata di oggi sono state nuovamente avviate le verifiche sulle restanti domande pervenute, accertando (secondo criteri oggettivi) ulteriori famiglie bisognose che riceveranno a breve il buono spesa.

Purtroppo, mi duole sottolinearlo, gli accertamenti sulle istanze presentate stanno portando via agli uffici più tempo del dovuto, in quanto molte di esse risultano incongruenti, compilate in maniera imprecisa o, spesso, presentate da famiglie che percepiscono redditi al di sopra di una certa soglia.

Voglio quindi evidenziare che tali contributi sono e saranno destinati (anche in futuro) a chi realmente si trova in difficoltà e in stato di disagio economico. Al fine di scongiurare rallentamenti nei controlli, oltre che per evitare di togliere risorse preziose a persone realmente indigenti, esorto i richiedenti di aiuti economici ad essere più coscienziosi e realisti”.