Nostalgia Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, il 98% dei turisti tornerà

ISERNIA – Circa il 98% dei turisti che lo ha visitato dichiara di volerci tornare, il 69,7% conferma di aver incontrato o osservato un animale selvatico, anche se non sempre l’animale incontrato è quello che si sarebbe voluto incontrare, visto che l’83,9% avrebbe voluto incontrare l’orso e il 55,2% il lupo. Il 93,5% ha dichiarato di aver percorso i sentieri con un voto medio complessivo di 7,4.

Questi alcuni dati della rilevazione sul grado di soddisfazione degli utenti e dei visitatori del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise per l’anno 2018, condotta dall’Ufficio relazioni con il pubblico del Parco. La rilevazione è avvenuta, garantendo l’anonimato, attraverso la compilazione di un questionario con 16 domande, a risposte sia chiuse che aperte, reso disponibile con un form solo sul sito istituzionale del parco.

Dall’analisi delle risposte “emerge nel complesso, anche sui singoli servizi, una buona soddisfazione dell’utenza che risulta essere molto affezionata al Parco”. Le dimensioni più apprezzate sono quelle che riguardano la disponibilità e la competenza, meno quelle che attengono direttamente alle strutture. Si riscontra, infatti, una cauta soddisfazione riguardo all’attrattiva dei centri visita, con una richiesta diffusa di ammodernamento, commenta il Parco.

I dati sono stati raccolti in 7 mesi di indagine (giugno-dicembre 2018), con 620 questionari appositamente compilati dall’utenza transitata sul sito istituzionale del parco, pari al 23,3% dei 2657 visitatori che hanno visualizzato il questionario. A rispondere sono stati maschi per il 55%, femmine per il 45%; l’età prevalente è compresa tra i 25-40 anni (36,2%) e 40-50 (27,6%).

Anche quest’anno emerge che la maggior parte dei visitatori ha conosciuto il Parco attraverso il passaparola (43,6%), tramite internet (27.3%) e altro (23,4%), dove con altro vengono indicati: scuola, riviste, partecipazione ad Associazioni, documentari, volontariato. Oltre il 63.9% dei visitatori si è recato al Parco più volte e solo il 6,5% non lo aveva mai visitato. L’85,1%, poi, sceglie il Parco per le escursioni; segue l’avvistamento fauna con il 76.8% e visita ai borghi con il 63.6%.