Paglione: “Ridare vita alle funzioni minime essenziali dell’ospedale di Agnone”

50

AGNONE – “Condivido l’analisi fatta dal vicesindaco di Agnone e apprezzo il fatto che, finalmente, dal capoluogo dell’Alto Molise arrivi una voce chiara e precisa su un progetto possibile di medicina territoriale adatto alla nostra realtà. Garantire la piena e duratura esigibilità del diritto alla salute a tutti e, quindi, anche ai territori montani deve essere un obiettivo riconosciuto da tutti, a prescindere dagli schieramenti politici. Per questo dovremo puntare uniti all’obiettivo di ricostruire il sistema sanitario, prevedendo uno stanziamento fisso non superiore al 5% della spesa sanitaria regionale. Per le nostre comunità non chiediamo la luna, ma semplicemente il diritto ad avere un ospedale di area disagiata che serva prioritariamente a mettere in sicurezza la vita delle persone – soprattutto anziani – che hanno deciso di restare a vivere nel nostro territorio e una medicina di prossimità con un infermiere di comunità in ognuno dei nostri piccoli comuni”.

Così Candido Paglione, sindaco di Capracotta, che aggiunge: “In questo quadro così delineato sono d’accordo anche sulla necessità di aumentare il numero dei distretti sanitari, prevedendone uno specifico proprio per l’area territoriale montana di Agnone anche con un potenziamento delle strutture del Dipartimento di Prevenzione. L’ospedale, inoltre, dovrà avere prioritariamente un Pronto Soccorso che sia adeguato anche a stabilizzare situazioni complesse e che serva, tra l’altro, a trasmettere fiducia a coloro che hanno deciso di restare e a chi potrebbe decidere di tornare a vivere nei nostri paesi. La qualità della vita e del contesto ambientale del nostro territorio vanno assolutamente valorizzate con l’offerta di servizi sanitari adeguati. Il dopo Covid, infatti, potrebbe aprire prospettive importanti di rilancio proprio per territori come il nostro, a condizione che si riesca a mettere in campo un’azione forte di ricostruzione dei servizi essenziali”.

Non a caso, una delle domande più frequenti che viene rivolta a Paglione da cittadini nati in alto Molise e che sarebbero orientati a trasferire la propria residenza perché pensionati è sempre la stessa: “E se mi sento male – soprattutto d’inverno – chi si prende cura di me? Ecco, la politica deve poter dare risposte a questi interrogativi. Lavorare, quindi, attorno all’idea di ridare vita alle funzioni minime essenziali dell’ospedale di Agnone: il mantenimento del reparto di Medicina – con una dotazione sufficiente di posti letto da affiancare ad una Lungodegenza, pochi posti di day hospital – attività chirurgica minima in day surgery, la valorizzazione dell’Unità Operativa di Reumatologia – attualmente punto di riferimento a livello regionale – il mantenimento del laboratorio di analisi, la radiologia anche con refertazione telematica e strumentazione adeguata”.