Ricatto al governatore Frattura, assolti il pm Papa e la giornalista Petescia

84

BARI – Il gup del Tribunale di Bari Antonio Diella ha assolto “perché il fatto non sussiste” la giornalista molisana Manuela Petescia e il magistrato Fabio Papa, ex pm di Campobasso, imputati nel processo sul presunto ricatto al governatore del Molise, Paolo Di Laura Frattura. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con rito abbreviato in cui erano costituite come parti civili la Regione Molise, presidenza del Consiglio dei Ministri, Frattura e l’ex questore di Campobasso Giancarlo Pozzo.

Agli imputati il pm di Bari Pasquale Drago contestava a vario titolo i reati di tentata estorsione, tentata concussione, abuso d’ufficio,rivelazione e utilizzazione del segreto d’ufficio e falso ideologico. Secondo l’accusa, Petescia e Papa (chieste rispettivamente condanne a 2 anni e 8 mesi e 4 anni), nel corso di una cena avrebbero chiesto a Frattura una legge per l’editoria e finanziamenti a sostegno di Telemolise, minacciando in caso di rifiuto ripercussioni giudiziarie e una campagna denigratoria contro di lui.