Sanzioni dei Carabinieri Forestali per infrazioni sull’etichettatura

37

CAMPOBASSO – Nei mesi di maggio e giugno scorsi, nell’ambito di una campagna di controllo programmata dalla Regione Carabinieri Forestale “Abruzzo e Molise”, i militari dei N.I.P.A.A.F. (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale) di ogni provincia di Abruzzo e Molise hanno effettuato una serie sopralluoghi ispettivi pianificati presso le più importanti aziende produttrici di pasta alimentare, per verificare la qualità dei prodotti commercializzati e delle varie componenti impiegate nella relativa filiera.

I militari si sono recati presso 9 pastifici, equamente ripartiti all’interno di tutte le province, riscontrando anche talune irregolarità tanto formali che sostanziali (relative alla tracciabilità ed alla presentazione delle indicazioni obbligatorie in etichetta, in violazione al Regolamento UE 1169/2011 e dei relativi atti di esecuzione).

Le irregolarità rilevate, che non attengono alla salubrità degli alimenti, hanno riguardato principalmente: la presenza di allergeni non evidenziati, alcune indicazioni fuorvianti in ordine alla provenienza del grano o dell’acqua utilizzati nella produzione della pasta e piccole falle nel sistema di tracciabilità aziendale. Sono perciò stati contestati 7 illeciti di natura amministrativa, per un importo totale di 11.500 euro e, in due casi, è stato applicato l’istituto della diffida previsto dal D.L. 91/2014 (cd. Decreto campo-libero).

Sono in programma ulteriori attività di controllo da parte dei Nuclei Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale per verificare la trasparenza e la correttezza delle informazioni fornite in campo agroalimentare con l’obiettivo di tutelare il consumatore nel processo di acquisto di prodotti, ma anche DOP e IGP, che rappresentano eccellenze della produzione agroalimentare abruzzese e molisana.