Scuole di Casacalenda in Dad dal 10 al 21 gennaio

6

banchi scuolaCASACALENDA – Nelle scuole di Casacalenda si va in Dad dal 10 gennaio e fino al prossimo 21 gennaio. La ‘Sindaka’ Sabrina Lallitto spiega: “In accordo con la Dirigente Scolastica abbiamo deciso che questa, per il momento, visto l’alto numero di contagi e di quarantene dei bambini e dei ragazzi, è la scelta migliore”. Poi aggiunge: “A quelle mamme che oggi sono preoccupate nell’uno e nell’altro senso, posso dire che io sono la prima mamma a cui non piace la DaD e che per me la scuola in presenza è fondentale, ma devo mettere, oggi, sulla bilancia, un numero di casi positivi in paese che si aggira sulle 70 unità – tra test molecolari (50 certi, da dati Asrem) e altri 20 (salvo errori e omissioni) da antigenico – e non posso non pensare ai bambini con prudenza”.

Tra i positivi accertati e comunicati ci sono anche bambini: “Questi bambini – dice Lallitto – hanno fratelli e sorelle che comunque non potrebbero rientrare in presenza. Abbiamo ragionato a lungo con la Dirigente Scolastica e, seppur difficile e contro l’idea del Governo di rientrare in presenza, abbiamo dovuto fare una scelta. In meno di 15 giorni l’andamento dei casi positivi in regione è schizzato e anche se i sintomi, per i vaccinati, sono quelli di una influenza (più o meno), dobbiamo tenere conto che non tutti i nostri figli oggi sono vaccinati. I casi positivi “permessi” per l’andamento delle lezioni in presenza ci fanno ragionare: ad esempio, con 1 solo caso positivo nella scuola primaria si passa alla Dad per 10 giorni e si sottopongono i bambini a 2 tamponi. Capirete che 1 caso positivo, con il picco di questi giorni, è assolutamente possibile”.

E conclude: “Onestamente preferisco risparmiare questo stress ai bambini non solo pregando che nessuno si contagi, ma con azioni concrete. Per ora, auspicando in comportamenti attenti e coscienziosi di tutti, grandi e piccini, con una ordinanza la scuola ricomincia in DaD fino al 21 gennaio, ma sono pronta sin da adesso a revocarla qualora il contagio iniziasse immediatamente a scendere. Buonsenso e attenzione non devono mancare”.