Termoli riceve oggi la sua undicesima bandiera verde

19

bandiere verdi alba adriatica

La consegna è avvenuta questa mattina ad Alba Adriatica. L’assessore Barile: “Un vessillo importante che certifica l’impegno dell’amministrazione comunale e degli operatori”

ALBA ADRIATICA – Anche quest’anno Termoli figura tra le 143 località balneari italiane insignite della “Bandiera Verde dei Pediatri 2021”. La consegna del vessillo è avvenuta questa mattina ad Alba Adriatica in Abruzzo che per il secondo anno ha ospitato la cerimonia di premiazione della quattordicesima edizione.

A ritirare il vessillo verde, per conto dell’amministrazione comunale adriatica, era presente l’assessore al Turismo, Sport e Cultura Michele Barile.

Per Termoli si tratta dell’undicesimo conferimento consecutivo, la città adriatica ormai da diversi anni, si attesta a dimensione di bambini.

La commissione che assegna le “Green flags” è composta da 2753 Pediatri dell’Associazione Italiana che considerano determinati parametri prima di individuare le località di mare meritevoli del vessillo.

Oltre alle 143 località italiane che hanno ricevuto il vessillo, quest’anno così come è accaduto nel 2020, la Bandiera Verde è stata consegnata anche agli ambasciatori di Spagna (3 bandiere), Romania (1 bandiera) e Tanzania (1 bandiera).

Quelli insigniti con la banidera verde, sono tutti centri di eccellenza per le vacanze di famiglie e che certificano un turismo a dimensione dei più piccoli.

Si stima che per quanto riguarda l’Italia, le bandiere verdi sventolano ogni 55 chilometri di costa.

Prima della cerimonia di consegna si è tenuto il primo “Trofeo delle Bandiere Verdi dei Pediatri” che ha visto impegnati ragazzi under 14 che si sono cimentati in quadrangolari di basket, volley, calcio, tennis e gare di ciclismo.

Termoli, unico centro in Molise, rientra così tra le mete turistiche più ambite per quelle famiglie che in vacanza necessitano di ampi spazi tra gli imobrelloni in spiaggia, sabbia fine, acqua del mare che non diventi subito alta, strutture ricettive, servizi e zone relax dedicate a bambini e genitori.

Prima della consegna si è tenuto il quarto “International workshop of green flags – VII convegno nazionale sulle bandiere verdi”.

Ad introdurre i lavori il dott. Italo Fornenati, ordinario di Pediatria della Libera Università degli Studi di Scienze Umane di Malta nonché Cavaliere di Gran Croce e presidente della Bandiera Verde dei Pediatri e il moderatore scientifico, Dott. Roberto Trunfio. Si è discusso principalmente dei livelli di assistenza sulle spiagge, della sicurezza della pelle dei bambini e della loro alimentazione.

Per l’assessore Michele Barile, “E’ un riconoscimento che Termoli consegue da ben undici anni – ha commentato l’assessore Barile – subito dopo la conclusione della manifestazione -, questo è un risultato che è frutto del lavoro di tutti gli operatori turistici e di tutti coloro che si impegnano per far si che le nostre spiagge siano accoglienti e soprattutto a misura di bambino. Per Termoli è un onore rientrare in questi 143 Comuni che hanno i requisiti richiesti per l’assegnazione della Bandiera Verde. Termoli si presenta così sul mercato turistico con una offerta che soddisfa anche le famiglie con bambini. E’ un risultato conseguito grazie alla sinergia tra l’amministrazione comunale e gli operatori turistici che poi sono coloro che, fattivamente, devono fornire i servizi. Le nostre spiagge si classificano poi da sole per la loro morfologia, abbiamo spiagge ampi e fondali non troppo profondi. I servizi poi sono frutto del lavoro degli operatori turistici e dei balneatori che ogni anno cercano di implementare le propie attività per proporre servizi sempre più efficienti”.

Infine, il professor Farnetani che ha voluto ricordare l’importanza della certificazione fornita a famiglie e bambini dalla Bandiera Verde parlando anche di Termoli.

“La bandiera verde – ha spiegato il presidente della Bandiera Verde dei Pediatri Italo Farnetani – era nata fino al 2017 come studio italiano, poi abbiamo portato questo riconoscimento, che non fornisce una promozione turistica fine a sè stessa, che va in favore dei servizi per i bambini anche fuori dal nostro Paese. Nel 2015 consegnammo la Bandiera Verde a Papa Francesco, gli dissi che quando stanno bene i genitori, stanno bene anche i figli e il Papa mi alzò il pollice in segno di consenso. Per quanto riguarda Termoli, al momento è l’unica località del Molise a cui è stata assegnata la Banidera Verde. Oltre alle caratteristiche ambientali, ha anche i giusti servizi. Quando una famiglia va in vacanza si trova lontana dai propri punti di riferimento e ha bisogno di determinati servizi come quelli sanitari, ma soprattutto i servizi di ristorazione, la merenda per i bambini e gli spazi dove far divertire e far fare sport ai figli. Termoli è il classico esempio in cui il mare non è fine a sè stesso, ma esiste tutto un supporto di servizi. Sono stato diverse volte a Termoli e mi ha sempre colpito sia la bellezza della spiaggia, ma anche quella della città”.