Venafro, controllo straordinario del territorio: fermato un 50enne alla guida ubriaco

94

Stazione mobile 2Raffica di accertamenti su veicoli in transito, esercizi pubblici e persone sottoposte a misure cautelari e di prevenzione. Impiegata anche Stazione Mobile

VENAFRO (IS) – Per aumentare ulteriormente il livello di sicurezza su tutto il territorio venafrano, sia nelle ore diurne che in quelle notturne, è stato predisposto dai Carabinieri un servizio di controllo straordinario del territorio, anche con l’impiego che si protrarrà per tutto il periodo estivo, di una Stazione Mobile, che stazionerà periodicamente sia nel centro di Venafro che nelle zone di periferia.

L’obiettivo principale è quello di prevenire e contrastare ogni forma di criminalità e di illegalità. Le pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle locali Stazioni, nelle ultime ore hanno eseguito numerosi posti di blocco con particolare riferimento alle vie di collegamento con la limitrofa provincia di Caserta, durante i quali sono stati effettuati accertamenti su settanta veicoli in transito, identificate novantacinque persone tra conducenti e passeggeri, e nei casi sospetti si è proceduto alla perquisizione per la ricerca di armi, droga e refurtiva.

ALLA GUIDA COMPLETAMENTE UBRIACO

Uno degli interventi più significativi ha riguardato un 50enne del luogo, sorpreso alla guida della propria auto completamente ubriaco, mettendo così in gravissimo pericolo l’incolumità degli altri utenti della strada. Il tasso alcolemico accertato mediante l’utilizzo dell’apparato etilometro in dotazione alle unità di pronto intervento dell’Arma, superava di oltre tre volte il limite previsto dalla normativa vigente.

Per il 50enne è scattata la denuncia per guida in stato di ebrezza alcolica, il ritiro della patente di guida ed il sequestro del veicolo. Otto i pregiudicati che attualmente scontano misure cautelari o di prevenzione, nei cui confronti sono stati effettuati controlli sul regolare rispetto delle prescrizioni imposte dalle competenti Autorità Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza. Ispezionati infine anche sei locali pubblici per accertamenti amministrativi e in materia igienico-sanitaria.