VII° Concorso di Pittura Estemporanea “Campobasso 1587” e convegno

39

concorso pittura estemporaneaCAMPOBASSO – È stato presentato lo scorso 15 dicembre mattina in conferenza stampa, nella sede dell’Assessorato regionale alla Cultura e Turismo, il VII Concorso di Pittura Estemporanea “Campobasso 1587: Odio, Amore e Pace”, che si terrà sabato 17 dicembre al Circolo Sannitico di Campobasso e che giunge quest’anno alla sua seconda edizione internazionale.

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno l’Associazione Pro Crociati e Trinitari per le Rievocazioni Storiche Molisane ha voluto riproporre lo stesso format, aprendo nuovamente la partecipazione ad artisti anche da oltre confine, che potranno prendere parte al concorso in presenza e da remoto.

Quest’anno, in un clima in cui la guerra in Ucraina ha segnato intere popolazioni, il tema scelto è quello della Pace, tanto auspicata e desiderata dal mondo intero. La Pace, quella stessa Pace – simbolo per eccellenza della città di Campobasso – stipulata nel 1587 tra la Confraternita dei Crociati e quella dei Trinitari rappresentata abilmente da Giovanni Maria Felice nel quadro “Pace tra Trinitari e Crociati a Campobasso” che è stato scelto per la locandina dell’evento.

La novità di questa edizione è il Convegno – in programma domenica 18 dicembre al Circolo Sannitico alle 18 in collaborazione con il Centro Studi Molisano – dal titolo “Campobasso, una città di Pace. Momenti di riflessione sulla pace” che rappresenta un momento per affrontare vari aspetti del tema insieme ad esperti del settore e all’ospite d’eccezione Edith Bruck scrittrice, regista e poetessa testimone della Shoah.

Entrambi gli eventi sono stati sostenuti dal Comune di Campobasso e dall’Assessorato regionale alla Cultura e Turismo nell’ambito del bando “Turismo è Cultura”.

Alla conferenza stampa di questa mattina hanno preso parte il sindaco di Campobasso Roberto Gravina e l’Assessore alla Cultura e Turismo Vincenzo Cotugno.

Dunque una due giorni dedicata all’arte, alla storia, alla tradizione e soprattutto volta a sensibilizzare i presenti al tema, tanto importante quanto delicato, della pace.